Osservatorio Demografico – 1 gennaio 2020

Popolazione modenese, totale e straniera

La crisi economica, che ha prodotto fino al 2017, risultati visibili anche a livello demo-grafico, evidenziando una diminuzione dell’attrattività del territorio provinciale, sta mostrando segni di ripresa molto deboli: la popolazione residente in provincia di Modena, che ammonta al 1.1.2020 oltre i 707 mila abitanti risulta sostanzialmente stabile rispetto al 1.1.2019 (con un tasso di crescita del +0,4‰ rispetto al 2019).

L’immigrazione netta, soprattutto con l’estero, costituisce ancora il fattore che contrasta, ma con meno efficacia, il declino demografico della nostra provincia, (+2.567unità nel 2019 quale saldo tra gli iscritti e i cancellati anagrafici totali, di cui il 97% da e per l’estero): la struttura anziana della popolazione e il crollo demografico della componente attiva costituiscono, per la sostenibilità economica e sociale del territorio provinciale, un motivo di grave preoccupazione, tuttora non ancora scongiurato.

Al 1/1/2020, la popolazione straniera residente in provincia di Modena continua a crescere e ad attestarsi intorno a quota di 96 mila persone, pari al 13,6% dei residenti (dieci anni fa i cittadini stranieri residenti costituivano il 11,9% del complesso della popolazione) e in aumento rispetto 2019.

Quest’anno l’Osservatorio Demografico, costituito da un solo volume, è funzionalmente suddiviso in sei capitoli: i primi cinque dedicati alla popolazione residente nel suo complesso e il sesto concepito per approfondire le tematiche relative alla popolazione residente straniera. L’edizione 2019 dell’Osservatorio demografico conteneva, nel quarto capitolo, le previsioni demografiche di breve-medio periodo 2020-2029. A partire da quest’anno è stata fatta la scelta di dedicare alle previsioni una pubblicazione ad hoc, riferita al periodo 2021-2030 e recante il dettaglio per Distretto sanitario.

Il presente lavoro dà luogo al trentaseiesimo rapporto relativo alla popolazione resi-dente in provincia di Modena ed è realizzato grazie alla collaborazione delle anagrafi comunali modenesi.

Come accade per tutti gli anni successivi alla rilevazione censuaria, i dati di flusso utilizzati per il presente report e riferiti, in particolare, all’anno 2013 sono da maneggiare con cautela. A partire dal 2018 l’Istat ha avviato il primo censimento permanente della popolazione, che si concluderà nel 2021: i dati, di fonte Istat, presenti nella pubblicazione (di flusso per gli anni 2018 e 2019 e di stock al 1.1.2019 e al 1.1.2020), sono provvisori. Il rilascio dei dati definitivi è previsto per la fine del 2020.

La conoscenza e l’uso di questi dati, la loro articolazione territoriale, il confronto con gli studi sulle previsioni future, sono una preziosa componente su cui basare le scelte programmatiche e le politiche attive così come le strumentazioni urbanistiche, che molti Comuni e la stessa Provincia hanno attivato negli anni. Occorre continuare ad aggiornare e ad innovare le risposte a fronte del mutamento dei bisogni e dei soggetti che li esprimono. Anche questi dati ci confermano tendenze ormai strutturali, che sempre più si consolidano e vanno ad impattare con una situazione dell’economia in crisi, sia a livello nazionale che locale. Rimodulare, in una stagione di crisi, gli equilibri tra economia e bisogni è la sfida, che abbiamo davanti e che richiede l’impegno di tutti i livelli istituzionali e sociali.

Pubblicato: 22 Novembre 2020Ultima modifica: 10 Febbraio 2022