News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1627 del 24/11/2005

la provincia acquisisce l’ex caserma fanti
ok dal consiglio provinciale senza voti contrari

E’ stata approvata nel Consiglio provinciale di mercoledì 23 novembre, con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione dell’opposizione, l’acquisizione da parte della Provincia di Modena dell’ex caserma Fanti per quattro milioni e 870 mila euro. "Una struttura ottimale come nuova sede sia dal punto di vista tecnico che logistico – ha spiegato Stefano Vaccari, assessore provinciale al Bilancio – che in prospettiva ci farà risparmiare 500 mila euro di locazioni più le spese di gestione per le due sedi di via Rainusso e via Giardini".

"Penso che l’immobile valga tutti i cinque milioni di euro che costa – ha commentato Giorgio Barbieri, della Lega Nord – ma mi sarebbe piaciuto sapere preventivamente quanto costerà la ristrutturazione". Per Claudia Severi (Forza Italia) "il problema è che non abbiamo un piano finanziario e un’analisi dei costi e dei benefici. In sostanza non capiamo se abbiamo abbastanza acqua in cui nuotare". Cesare Falzoni (An) ha espresso perplessità sul passaggio della proprietà attraverso il Comune di Modena "che ha provocato un aumento dei costi" e sul fatto che ci sia un numero sufficiente di parcheggi per tutti i dipendenti.

Anche Dante Mazzi (Forza Italia) ha sostenuto che "manca l’integrazione con il piano urbano di mobilità", mentre Andrea Sirotti (Ds) ha sottolineato la completezza della documentazione tecnica fornita, "che conteneva anche l’indicazione del "range" dei costi di ristrutturazione". Tomaso Tagliani (Udc) pur contrario alla variazione di bilancio necessaria per l’acquisizione, ha espresso "assenso immediato a un acquisto così utile e importante che porta benessere in una zona della città in via di abbandono".

D’accordo sull’importanza di mantenere la collocazione della sede provinciale in centro storico anche Lella Rizzi (Ds) e Mauro Cavazzuti (Margherita). Stefano Lugli, Prc, si è augurato che "la ristrutturazione dell’ex caserma segua i criteri della bioedilizia e del risparmio idrico ed energetico, ponendosi come esempio". Nel concludere il dibattito, il presidente della Provincia Emilio Sabattini ha sottolineato come la "sede provinciale sia la casa di tutti e quindi, come finora si è proceduto insieme per capire se quel contenitore avesse i requisiti giusti per soddisfare i bisogni della Provincia, anche da qui in avanti per la fase progettuale costruiremo un percorso condiviso in tutte le tappe con il Consiglio provinciale".

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: giovedý 24 novembre 2005
data di modifica: lunedý 20 febbraio 2006