Temi

Turismo e Cultura

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Temi | · Turismo e Cultura

Le attività in Provincia di Modena che riguardano cultura e turismo

Turismo

La Provincia ha il compito di promuovere e coordinare attività nonchè di realizzare opere di rilevante interesse provinciale in diversi settori anche in materia di turismo.
In particolare la Provincia si occupa:
  • della programmazione della promozione turistica locale: la Provincia approva sulla base delle direttive emanate dalla Giunta Regionale ogni anno e sentiti i comuni, il Programma Turistico di Promozione Locale. Tale programma costituisce l’atto con il quale vengono definite le priorità degli interventi per lo sviluppo delle attività di promozione a carattere locale e viene articolato distinguendo i seguenti ambiti di attività: servizi turistici di base dei Comuni relativi all’accoglienza e all’intrattenimento turistico le iniziative di promozione turistica di interesse locale;
  • della gestione degli interventi per l’incentivazione dell’offerta turistica;
  • delle agenzie di viaggio e turismo; 
  • delle commissioni giudicatrici d’esame per l’abilitazione all’esercizio delle professioni turistiche;
  • dello sviluppo, il coordinamento e la gestione di un servizio di statistica provinciale del turismo, con la collaborazione dei Comuni interessati, nell’ambito del sistema statistico regionale;
  • della comunicazione dei prezzi e delle tariffe dei servizi e delle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere di cui al comma 2 dell’art. 1 della L. 284/91.

La Provincia ha il compito di istituire e tenere gli elenchi provinciali concernenti gli abilitati all’esercizio delle professioni turistiche, e ha funzioni di vigilanza e controllo e l’applicazione delle sanzioni amministrative.

La Provincia ha importanti funzioni amministrative, autorizzatorie, di controllo e di vigilanza sull’attività svolta dalle agenzie di viaggio o da altri soggetti.
Tra le funzioni principali sono comprese il rilascio dell’autorizzazione all’apertura ed esercizio dell’attività, l’applicazione delle sanzioni, il riconoscimento della qualifica di IAT e la tenuta del deposito cauzionale di somme versate dalle agenzie a tutela della clientela.

E’ attribuita alle province la titolarità di funzioni di programmazione autonoma nell’ambito di un quadro di riferimento regionale e di funzioni di gestione amministrativa completa (istruttoria, concessione ed erogazione di contributi), compresa la vigilanza dei finanziamenti destinati alle imprese operanti nel settore del turismo.

Nell'ambito della classificazione delle aziende alberghiere alla Provincia è attribuita la competenza della raccolta delle denunce dei prezzi che vengono autorizzati e inseriti nell'Annuario delle strutture ricettive.

La Legge ha attribuito alle Province le funzioni di raccolta delle denunce prezzi relative alle Case per Ferie, Ostelli per la Gioventù, Esercizi di Affittacamere, Rifugi Alpini, nonché il controllo e l'applicazione delle sanzioni per le relative violazioni.

Le Province sono delegate: alla definizione dei programmi provinciali integrati dell'Agriturismo e del Turismo Rurale; al coordinamento delle iniziative di formazione degli operatori; alla tenuta dell'elenco delle aziende agrituristiche e degli operatori del turismo rurale; alla concessione ed erogazione degli incentivi, alle aziende agrituristiche non comprese nel territorio di Comunità Montane; alla verifica e ai controlli sulla sussistenza dei requisiti delle aziende agrituristiche non comprese nel territorio di Comunità Montane e degli operatori turistico-rurali di tutta la provincia ai fini dell’iscrizione nell’elenco suddetto.

La Provincia partecipa al Consorzio di II grado COFITER, nato nel corso del 1998 dalla fusione di Federcomfidi e di Conturister. Il consorzio è il beneficiario di contributi per la costituzione di fondi di garanzia e di fondi per l’abbattimento del tasso di interesse. Il consorzio opera nei confronti delle imprese turistiche. Ad esso partecipano inoltre le cooperative di garanzia e i consorzi fidi che operano a livello regionale.

La Provincia ha funzioni di coordinamento dei programmi e degli interventi favore degli impianti di risalita e delle stazioni sciistiche.

La Provincia ha funzioni di coordinamento delle iniziative e di promozione delle attività per realizzazione circuiti golfistici a supporto del sistema turistico.
La Provincia può essere beneficiaria di contributi per la realizzazione, ampliamento e completamento di campi da golf.

Gli stanziamenti nazionali vengono assegnati alle Regioni che in parte li trasferiscono alle province le quali li utilizzano per iniziative finalizzate a incentivare le attività locali e provinciali rilevanti di animazione turistico-culturale.

Il Collegio Regionale dei Maestri di Sci, di Guida Alpina e Accompagnatore di Montagna è tenuto a comunicare alle province le tariffe praticate e le province attuano i provvedimenti conseguenti.

La Regione sostiene le attività degli Enti Locali volte a valorizzare le realtà associative. Tra gli ambiti di attività dell'Associazionismo è previsto lo sviluppo del turismo sociale. Le province possono stipulare convenzioni con l'Associa-zionismo per collaborazioni su materie di propria competenza.
Alle province è demandato inoltre il compito di ricevere ed istruire le domande delle Associazioni che chiedono l'iscrizione all'apposito "Albo" per quanto riguarda le sezioni di ambito provinciale.
La Regione assegna contributi alle province che nell'ambito delle loro funzioni di programmazione, promozione e coordinamento presentano piani di intervento a favore delle iniziative delle Associazioni.

La Provincia è tenuta al rilascio delle concessioni per l'esercizio degli impianti di risalita per le relative piste di discesa, alla relativa sorveglianza sul corretto svolgimento delle attività; Coordinamento dei programmi per l'assegnazione dei contributi regionali finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione.

Predisposizione dei piani provinciali operativi annuali (entro il mese di marzo) in base alle domande pervenute; predisposizione dei piani pluriennali per assicurare il raggiungimento degli obiettivi di legge e le riorganizzazioni delle stazioni sciistiche.
Dette funzioni sono esercitate in attuazione del programma regionale, il quale individua gli interventi prioritari, le caratteristiche tecnico-finanziarie dei progetti, i criteri e le modalità per l’assegnazione dei contributi nonchè i tempi di realizzazione.

La Provincia svolge funzioni di promozione e coordinamento degli interventi Disciplina delle acque minerali e termali, qualificazione e sviluppo del termalismo.

In materia di attività ricettiva diretta alla produzione di servizi per l’ospitalità Bed and Breakfast la Provincia provvede ad effettuare il sopralluogo ai fini della conferma dell’idoneità all’esercizio dell’attività, sulla base della denuncia d’inizio inviata al Comune competente.
La Provincia redige, annualmente l’elenco delle attività ricettive “Bed and Breakfast” comprensivo di prezzi praticati, ai fini dell’attività di riformazione turistica sulla base della comunicazione dei prezzi e del periodo di apertura pervenuta dagli esercenti.

Cultura

  1. Beni Culturali

    tra le politiche dei Comuni del territorio per la valorizzazione dei beni culturali.
    Concorso alla determinazione del programma regionale di sviluppo e dei piani regionali secondo le norme dettate dalla legge regionale.
    La Provincia promuove indagini e censimenti sul patrimonio storico, architettonico, artistico del territorio ed attua interventi per una sua diffusione e conoscenza. Svolge attività di recupero e conservazione del proprio patrimonio storico, artistico e architettonico.
    La Provincia inoltre, promuove e sostiene attività culturali ai fini di una crescita e diffusione delle stesse, e ai fini di uno sviluppo equilibrato tra le diverse aree territoriali e con l’istruzione scolastica.

    La Provincia si avvale dell’Istituto dei Beni Artistici, Culturali e Naturali per formulare proposte sulla apposizione di vincoli di interesse storico o artistico, sulla vigilanza sui beni vincolati, sull’espropriazione di beni e sull’esercizio del diritto di prelazione.

    L’associazione regionale delle province designa un componente della Commissione per i Beni e le Attività Culturali.

    Alle province, nell’ambito delle loro funzioni di programmazione, coordinamento e valorizzazione dei beni e degli istituti culturali, la legge affida il compito di approvare i piani annuali di intervento, di attivare sistemi fra gli istituti culturali, di promuovere la formazione professionale degli operatori del settore e la didattica dei beni culturali.

    Predisposizione di programmi volti alla tutela e valorizzazione dei patrimonio letterario dialettale (narrativa, teatro, poesia, canto) in collaborazione con l'I.B.C.

  2. Spettacolo

    In questo ambito la Provincia: 
    • concorre alla definizione dei programmi regionali e nazionali;
    • promuove la formazione del pubblico e l’attività di spettacolo, anche in relazione a finalità turistiche;
    • partecipa, in forma diretta o convenzionata, con l’assunzione dei relativi oneri, alla costituzione e gestione di soggetti stabili e alla loro gestione;
    • partecipa, anche in forma associata, alla distribuzione della produzione teatrale e musicale sul territorio;
    • promuove la diffusione delle attività di spettacolo nelle scuole, sostenendo la cultura e la presenza dello spettacolo nelle Università in accordo con le amministrazioni competenti;
    • concorre all’attività di osservatorio svolta dalla regione.

    Le Province concorrono altresì alla definizione dei programmi nazionali e regionali in materia di spettacolo e alle attività di osservatorio svolte dalla Regione nella medesima materia.”
    La Provincia può concludere accordi con la Regione (convenzioni) per attività e progetti da realizzare.

    Promuove la diffusione della cultura e didattica cinematografica.
    La Provincia, assieme alla Regione, promuove attività volte alla valorizzazione del piccolo e medio esercizio cinematografico.

  3. Promozione Culturale

    Predisposizione di progetti in collaborazione con soggetti pubblici e privati operanti nel campo della promozione culturale.
    La Provincia ha inoltre compiti di divulgazione sul proprio territorio delle modalità e dei tempi utili per l’assegnazione di Premi per iniziative culturali e di Premi per studio da parte della Regione.

Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Deleghe
···› Commercio e turismo
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: martedý 9 agosto 2005
data di modifica: venerdý 18 gennaio 2013