Temi

Ricostruzione dopo il terremoto

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 548 del 19/7/2012

sisma, partiti gli interventi per smaltire le macerie
finora oltre 90 richieste, aperte 5 aree di stoccaggio

Sono arrivate finora oltre 90 richieste alle aziende di servizio per lo sgombero delle macerie derivanti dal crollo parziale o totale di edifici pubblici e privati causati dal terremoto e quelli derivanti da demolizioni di edifici pericolanti disposte dai Comuni, Vigili del fuoco e Protezione civile.

Nei giorni scorsi sono partiti i primi interventi di Aimag (sei completati a Camposanto, Cavezzo, Mirandola e S.Possidonio, mentre altri quattro sono tuttora in corso). Ogni intervento è preceduto da un sopralluogo dei tecnici per valutare la situazione come è avvenuto già in 41 casi.

Sono interventi effettuati attraverso i Centri operativi comunali (Coc) sulla base del recente decreto del Governo che prevede risorse pari a 1,5 milioni di euro per queste operazioni e individua otto piattaforme di cui cinque nel modenese: Feronia di Finale Emilia, gli impianti Aimag di Fossoli di Carpi, Medolla e Mirandola e nell'area di Hera in via Caruso a Modena.

«L'attività sta entrando progressivamente a regime - sottolinea Stefano Vaccari, assessore provinciale all'Ambiente - sulla base di una procedura compatibile con la necessità di coniugare i tempi brevi e tutte le garanzie ambientali a partire dall'amianto per il quale non sono previste deroghe».

Le norme prevedono procedure specifiche anche per i rifiuti pericolosi e per la salvaguardia di materiali di interesso storico, artistico e architettonico. Tutti i materiali, inoltre, sono tracciabili dalla raccolta fino alla pesatura e selezione, effettuata con impianti mobili dei gestori o di ditte convenzionate, fino all'invio al recupero o smaltimento. Province, Arpa, e Ausl garantiranno la vigilanza ambientale e sanitaria sulle operazioni.

Le operazioni sono seguite dalla funzione "servizi essenziali" del Centro coordinamento provinciale (Ccp) di Marzaglia che fin dalle prime ore del dopo sisma ha assicurato tutti gli interventi di emergenza relativi a energia elettrica, servizio idrico, gas e comunicazioni nelle zone colpite dal sisma e tutte le attivazioni relative ai campi degli sfollati. Nella funzione si sono avvicendati i tecnici di Hera (azienda che ha garantito il coordinamento degli interventi), Aimag, Geovest, Enel, fino all'arrivo successivamente, a supporto dell'attività, di tecnici dell'Acquedotto Pugliese, Marche Multiservizi e Ancona servizi.

Tra le centinaia di interventi effettuati, lo spostamento di cavi dell'alta tensione da siti non agibili, la disattivazione di utenze causa demolizione e tutti i rapporti tra aziende di servizio e Coc.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
19/7/2012
Numero
548
Ora
17
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 19 luglio 2012
data di modifica: giovedý 19 luglio 2012