Temi

Politiche faunistiche

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Temi | · Politiche faunistiche · Pesca

Domande Frequenti

Il 7 Novembre 2012 è stata approvata la nuova legge regionale sulla pesca. Controlla qui gli aggiornamenti alle domande sui dubbi più frequenti

Dove trovo la nuova legge sulla pesca?

La nuova Legge è denominata Legge Regionale 07 novembre 2012, n. 11

Norme per la tutela della fana ittica e dell'ecosistema acquatico e per la disciplina della pesca, dell'acquacoltura e delle attività connesse nelle acque interne. E' pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione n°231 dell'8 novembre 2012 e si può scaricare dal sito internet della Regione.

Da quando entra in vigore la nuova Legge?

La Legge 11/2012 entra in vigore a partire dal 23/11/2012

Come è fatta la nuova licenza di pesca?

La licenza di pesca è obbligatoria per tutti i pescatori a partire dal dodicesimo anno di età ed è costituita dal bollettino comprovante il versamento delle tasse di concessione regionali. Sul bollettino devono essere riportati i dati anagrafici del pescatore e la causale del versamento. Se richiesto il pescatore deve esibire agli organi di controllo il bollettino e un documento d'identità in corso di validità.

Ci sono più tipologie di licenza? Quale è la loro durata?

La Legge Regionale 11/2012 prevede tre tipologie di licenza di pesca:

Tipo A, riservato ai pescatori professionali, viene rilasciata dalla Provincia dietro presentazione della prova di costituzione di azienda di pesca, ha durata decennale e deve essere accompagnata dal bollettino di versamento delle tasse di concessione annuali aventi valore per un periodo di 365 giorni dalla data di emissione della licenza.

Tipo B, per la pratica della pesca sportiva e ricreativa per soli cittadini residenti in Emilia Romagna è costituita dal bollettino comprovante il versamento delle tasse di concessione regionali sul quale devono essere riportati i dati anagrafici del pescatore e la causale del versamento. Vale 365 giorni dalla data di effettuazione del versamento, deve essere sempre accompagnata da un documento d'identità valido.

Tipo C, per la pratica della pesca sportiva e ricreativa di cittadini residenti e non residenti in Emilia Romagna è costituita dal bollettino comprovante il versamento delle tasse di concessione regionali sul quale devono essere riportati i dati anagrafici del pescatore e la causale del versamento. Vale 30 giorni dalla data di effettuazione del versamento, deve essere sempre accompagnata da un documento d'identità valido, il costo è pari al 30% del costo della licenza di tipo C.

La licenza di tipo B e C hanno validità sull'intero territorio nazionale.

A chi mi devo rivolgere per ottenere la licenza di pesca?

Per avere la licenza è sufficiente pagare il bollettino delle tasse di concessione e tenerlo con sé durante la pesca, unitamente a un documento d'identità valido

La mia vecchia licenza è ancora valida?

La vecchia licenza di pesca rimane valida fino allo scadere del bollettino versato per l'anno in corso, successivamente la licenza non sarà più valida e il pescatore potrà rinnovarla semplicemente con il versamento del bollettino annuale (vedi "come è fatta la nuova licenza di pesca?"

Chi è esentato dall'obbligo di licenza di pesca?

Sono esentati dall'obbligo di licenza per la pesca sportiva i seguenti soggetti:

coloro che su incarico o espressa autorizzazione della Regione o delle Province svolgono catture nell'ambito degli interventi programmati dalla pubblica amministrazione;

gli addetti agli impianti di piscicoltura durante l'esercizio delle proprie attività nell'ambito degli impianti stessi;

coloro che hanno superato il 65° anno di età;

i minori di anni 12 purché accompagnati da un maggiorenne munito di licenza o esentato ai sensi dell'art.14 L.R. 11/2012;

i minori di anni 18 che siano in possesso di un attestato di frequenza di appositi corsi di avvicinamento alla tutela della fauna ittica e dell'ecosistema acquatico e all'esercizio della pesca organizzati da associazioni piscatorie riconosciute;

i soggetti di cui all'art. 3 L. 5 Febbraio 1992 (Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate);

gli stranieri per la partecipazione alle competizioni sportive;

chi eserciti la pesca a pagamento nelle strutture appositamente destinate ed autorizzate ai sensi dell'art. L.R. 11/2012;

chi eserciti la pesca in spazi privati.

Dove trovo i nuovi regolamenti con misure minime, periodi di divieto, ecc?

Fino all'approvazione delle nuove Direttive regionali di applicazione della Legge 11/2012 rimane in vigore l'attuale Regolamento regionale 29/1993.

Il tesserino di zona D è ancora obbligatorio?

Il tesserino per la pesca nelle acque di categoria D è ancora obbligatorio

Ha un costo la licenza di pesca?

Il costo della licenza è pari al costo delle tasse di concessione annuale (22,72 euro) per la licenza di tipo B, del 30% dell'importo delle tasse di concessione annuale per la licenza di tipo C

Quali documenti servono per pescare in provincia di Modena?

Il pescatore che eserciti attività di pesca in provincia di Modena dovrà avere al seguito:

DOCUMENTI OBBLIGATORI PER TUTTI

  • a) la licenza di pesca (costituita dal bollettino di versamento della tassa di concessione regionale e da un documento di identità valido o da solo documento di identità valido se il pescatore rientra in una delle categorie che godono dell'esenzione) NB: il bollettino di versamento della tassa di concessione COSTITUISCE LICENZA DI PESCA pertanto è come tale riconosciuto SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE;
  • b) Il contributo ittiogenico richiesto dal calendario ittico anno 2015 non è più dovuto. L'unico versamento richiesto per la licenza di pesca di tipo B è quello delle tasse regionali di € 22,75.
DOCUMENTI OBBLIGATORI SOLO PER ALCUNI PESCATORI
  1. Tesserino segnacatture. Obbligatorio esclusivamente in acque di categoria D, anche per chi è esentato dalla licenza. Viene rilasciato gratuitamente dai comuni montani, dalla Provincia (U.O. Programmazione faunistica) e da APAS sezione di Modena;
  2. Autorizzazione alla pesca da ponti. Gli invalidi autorizzati alla pesca dai ponti devono portarsi al seguito l'atto del Dirigente del Servizio faunistica che li autorizza.

L'esenzione per gli ultrasessantacinquenni è valida per tutte le Regioni?

Non tutte le Regioni italiane riconoscono il diritto di esenzione dall'obbligo di licenza per gli ultrasessantacinquenni, pertanto il pescatore deve informarsi presso gli uffici competenti. Qualora sia necessaria la licenza c'è la possibilità di fare la licenza di tipo C, valida 30 giorni del costo pari al 30% della licenza di tipo B.

Sono in possesso della licenza: dove posso pescare?

La licenza di pesca ha validità nelle acque interne di tutto il territorio nazionale.

 

 Sono invalido, ho delle agevolazioni?

 

 

Il pescatore che per ragioni di salute non sia in grado di percorrere le rive di fiumi e canali può ottenere l'autorizzazione alla pesca dai ponti.

Per ottenere tale autorizzazione è necessario presentare domanda alla UO Programmazione Faunistica della Provincia su apposito modulo a cui vanno allegate due marche da bollo da € 14,62, la documentazione medica (documentazione clinica e certificato del medico curante) che attesti che "il signor ... per le patologie riscontrate non è in grado di percorrere in sicurezza le rive di fiumi e canali", e copia fotostatica del documento di identità.

Il pescatore invalido dovrà portare sempre con sé, oltre alla licenza, l'atto di autorizzazione alla pesca dai ponti.

Se il pescatore rientra nelle categorie previste dall'art. 3 L. 5 Febbraio 1992 (Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) è esente dall'obbligo di licenza.

Se vedo pesci morti o in difficoltà a chi devo segnalarlo?

Se si notano pesci in difficoltà a causa di carenza idrica, inquinamenti o altro è necessario contattare la U.O. Programmazione Faunistica ai recapiti indicati nella scheda informativa segnalando la località, la causa presunta di difficoltà, lo stato del pesce (boccheggia, ci sono già pesci morti...ecc..) ed indicativamente la quantità di pesce presente.

In caso di presenza di pesce morto la competenza per lo smaltimento è del Comune territorialmente competente.

Per richiedere l'analisi delle acque è possibile rivolgersi all'ufficio ARPA di zona, per segnalare illeciti ambientali è invece possibile rivolgersi al Corpo di Polizia Provinciale (059.209.523) o al Corpo Forestale dello Stato (059.225100).

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Per informazioni
telefono 059.200.722
E-mail
chiusura della tabella

Documentazione allegata

Modulistica

Modulo per l'autorizzazione alla pesca da ponti
data dell'ultimo aggiornamento: lunedý 27 agosto 2012
collegamento a pagina/file scaricabile da una pagina/sito esterno

Normativa

Normativa in materia di pesca
data dell'ultimo aggiornamento: lunedý 27 agosto 2012
normativa pesca.PDF (158Kb)
Normativa pesca - Sintesi
data dell'ultimo aggiornamento: lunedý 27 agosto 2012
normativa pesca - SINTESI.PDF (124Kb)
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: lunedý 13 agosto 2012
data di modifica: venerdý 19 agosto 2016