Temi

Polizia Provinciale - Controllo faunistico

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 511 del 27/10/2016

Caccia, l'incontro con le 70 guardie volontarie
"servizio fondamentale, modello di collaborazione"

Le 70 guardie ittico-venatorie volontarie attive nella provincia di Modena, a supporto dell'attività della Polizia provinciale, hanno effettuato nel 2015 quasi 900 controlli dai quali sono scaturiti 58 verbali in gran parte per il mancato rispetto delle norme contenute nel calendario venatorio.

I dati sono emersi nel corso di un recente incontro in Provincia con i volontari al quale hanno partecipato Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, Fabio Leonelli, comandante della Polizia provinciale, e i rappresentanti delle strutture associative coinvolte nella gestione dell'attività venatoria.

«Il contributo dei volontari - ha affermato Muzzarelli - nell'attività di controllo rappresenta un modello positivo, a livello non solo regionale, che intendiamo valorizzare; si tratta di una risorsa fondamentale per garantire sicurezza ed un regolare svolgimento dell'attività venatoria e della pesca».

L'incontro è stato l'occasione anche per fare il punto sui controlli in queste prime settimane di apertura della caccia dai quali è emerso, come hanno confermato gli interventi di diversi volontari, l'assenza di episodi di particolare gravità anche se permane il problema del mancato rispetto delle distanze di sicurezza da strade e abitazioni (50 metri dalle strade e 100 dalle case con una sanzione per i trasgressori di 206 euro).

Sullo svolgimento dell'attività venatoria sono impegnati i 16 agenti della Polizia provinciale oltre alle guardie volontarie che appartengono alle Gev, alle Gel e altre associazioni, oppure sono collaboratori della Provincia, guardie venatorie degli Atc e delle Aziende faunistico-venatorie (Afv).

Nel corso dell'incontro i volontari hanno sollecitato una maggiore semplificazione e informazione sul calendario venatorio regionale e, più in generale, hanno evidenziato il forte calo del numero dei cacciatori che in questi ultimi anni sono passati dagli oltre dieci mila del 2000 agli attuali quattro mila con una età media sempre più alta.

La Provincia anche dopo il riordino istituzionale, ha mantenuto le competenze sulla vigilanza ittico-venatoria e i piani di controllo per garantire l'equilibrio faunistico.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
27/10/2016
Numero
511
Ora
17
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 27 ottobre 2016
data di modifica: venerdý 28 ottobre 2016