News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2001 · Sicurezza stradale

Comunicato stampa N° 372 del 04/04/2001

prevenzione in autoscuola con "sicuro che torno!"
i rischi di alcolici e droghe per chi si mette alla guida

á

Parte dall’autoscuola l’attività di prevenzione degli incidenti stradali dovuti all’uso di alcolici e di droghe, iniziando proprio dalla formazione degli insegnanti e degli istruttori di guida. Si calcola, infatti, che oltre il 20 per cento delle lesioni gravi o mortali riportate in incidenti stradali siano dovute a chi si mette al volante in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze. E sono spesso i più giovani a fare i conti con questi rischi.

Gli incidenti stradali, infatti, sono la prima causa di morte per le persone che hanno meno di 40 anni: nel ’96 a Modena rappresentavano il 26 per cento in questa fascia di età, nel 2000 sono ormai il 33 per cento. Ogni tre morti sotto i 40 anni, insomma, una è dovuta a un incidente stradale.

Per affrontare in modo migliore questo tipo di problemi, nelle scorse settimane 70 insegnanti provenienti da tutte le autoscuole modenesi hanno partecipato al corso di aggiornamento "Sicuro che torno!" approfondendo, appunto, le questioni legate agli effetti degli alcolici e delle droghe sulle capacità di guida, così come della legislazione in materia, ma sviluppando metodi di comunicazione che rendano poi efficaci e corrette le lezioni ai ragazzi su questi temi.

L’iniziativa, promossa da Provincia di Modena e Azienda Usl con la collaborazione della Polizia stradale e dell’Osservatorio educazione sicurezza stradale della Regione, il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e il patrocinio del ministero dei Lavori pubblici, ha permesso di realizzare un modulo didattico che prevede dispense, prove con l’etilometro, cartelloni di sintesi. Tutti materiali ora disponibili, insieme alla presenza di esperti, per essere utilizzati in altri corsi di aggiornamento per insegnanti e istruttori di guida, ma anche dalle scuole superiori e dalle polizie municipali che ne faranno richiesta.

"Lo scorso anno sono state 7208 le persone che hanno conseguito la patente a Modena - precisa Giorgio Razzoli, assessore alle Politiche sociali e delle famiglie – ed è proprio partendo dalle scuole guida che è possibile sviluppare un’efficace attività di prevenzione rivolta a più giovani".

I ragazzi tra i 18 e i 25 che lo scorso anno sono rimasti feriti in un incidente mentre erano alla guida di un autoveicolo sono stati 610, in sella a una moto o un motorino 238. E 17 sono i ragazzi di questa fascia di età che sono morti nel 2000, nel 1999 erano stati 24.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: mercoledý 4 aprile 2001
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005