News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 124 del 02/02/2001

piano provinciale sportelli unici per le imprese \ 1
finanziamenti per 300 milioni: aumenta la copertura

á

E’ di 310 milioni il finanziamento stanziato per lo sviluppo e la qualificazione della rete modenese degli sportelli unici comunali con il Piano provinciale 2001 che utilizza i fondi regionali e prevede investimenti complessivi per oltre un miliardo, più della metà dei quali (627 milioni) considerati prioritari. Il Piano, approvato nei giorni scorsi dal Consiglio provinciale (comunicato n. 125), prevede interventi per nove progetti locali e per due su scala provinciale: lo sviluppo dei sistemi informativi a supporto della rete tra i servizi e la sperimentazione della firma digitale che dal Comune di Modena viene estesa a tutto il territorio provinciale.

"Con questo Piano aumenta la porzione di territorio provinciale dotata delle funzioni di sportello unico per le attività produttive – commenta Maurizio Maletti, assessore alla Programmazione – continuando il lavoro iniziato lo scorso anno con un intervento di 600 milioni. In alcuni casi si tratta di interventi di qualificazione degli sportelli esistenti, in altri di vero e proprio avvio dell’attività che non a caso è stata considerata come una delle priorità nella selezione dei progetti. Alla fine del 2001, pur con differenze organizzative, il servizio sarà operativo nel capoluogo e in tutta l’area a nord, in gran parte della fascia centrale e di quella della Pedemontana, mentre in Appennino sono previste strutture negli ambiti con caratteristiche di centralità nella Comunità montana Est e nel Frignano".

I progetti locali riguardano la qualificazione dello sportello del Comune di Modena (39 milioni di finanziamento) e di quello intercomunale di Carpi, Campogalliano, Soliera e Novi (34 milioni). A Mirandola, per la struttura che serve i Comuni dell’Area Nord, si interviene sulla rete telematica per migliorare le funzioni di archivio e attivare server locali (24 milioni). Anche lo sportello associato dei Comuni del Sorbara (Bastiglia, Bomporto, Ravarino) interviene sulla dotazione informatica (due milioni), così come la struttura intercomunale di Pavullo e Polinago per la quale si prevede l’installazione anche di postazioni per l’autoconsultazione (otto milioni).

Sono quattro su nove i progetti che accompagnano l’avvio di nuove strutture. A Castelfranco, Nonantola e San Cesario è previsto lo sportello intercomunale (48 milioni di finanziamento) così come a Vignola, insieme a Spilamberto e Svignano (30 milioni) e alla Comunità Montana Modena Est (13 milioni per i Comuni di Zocca, Guiglia e Marano. Il progetto di Sassuolo (36 milioni) prevede in particolare interventi per la gestione dei procedimenti interni all’amministrazione.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: venerdý 2 febbraio 2001
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005