News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2001 · Istruzione

Comunicato stampa N° 438 del 21/04/2001

diritto allo studio, nell'area nord due progetti
per l'inserimento degli studenti cinesi nelle scuole

Sono dedicati all’alfabetizzazione e all’integrazione dei bambini cinesi nelle scuole della Bassa modenese due dei principali progetti di qualificazione dei 23 finanziati dalla Provincia nell’ambito del Piano 2001 per il diritto allo studio che prevede complessivamente interventi per quasi tre miliardi.

Un progetto riguarda 35 bambini che frequentano le elementari nei nove comuni dell’Area nord e ha come capofila Mirandola, mentre l’altro è rivolto specificatamente alla realtà di Concordia dove un bambino frequenta la materna, quattro le elementari e tre le medie.

L’aumento della presenza di cittadini stranieri nella Bassa, così come un po’ in tutto il territorio provinciale, è caratterizzato dal fenomeno dei ricongiungimenti familiari e dalla crescita della natalità. Nelle scuole, dalle materne alle superiori, sono sempre di più quindi gli studenti di altri paesi. Nel caso della comunità cinese che per oltre la metà risiede nell’area (nel distretto di Mirandola sono 660: è cinese uno straniero su cinque) le difficoltà di integrazione per i bambini sono particolari, dovute alle abitudini culturali e alle difficoltà della lingua di origine, spesso articolata in molti dialetti locali, ma anche alla mancanza di scolarizzazione di chi proviene direttamente dalla Cina.

E’ per questo che i progetti prevedono l’intervento di mediatori culturali che sono di supporto agli insegnanti, si occupano degli studenti e mantengono rapporti anche con le famiglie, mentre qualche parola di cinese viene insegnata anche ai bambini italiani per facilitare i primi approcci e creare un clima favorevole all’integrazione.

)E’ la prima volta che si sostengono interventi specifici nella scuola per gli studenti cinesi – commenta Claudio Bergianti, assessore provinciale all’Istruzione – e questo avviene nell’ambito di un supporto offerto agli istituti che, nell’era dell’autonomia scolastica, si trovano ad affrontare i problemi più complessi come quelli del disagio socio-culturale o dell’handicap al quale sono state dedicate la maggior parte delle risorse).

Nella Bassa sono sei i progetti di qualificazione dei Comuni finanziati nell’ambito del Piano provinciale: gli altri quattro riguardano sempre l’integrazione degli stranieri (a Cavezzo, Finale e nei tre comuni del Sorbara) oppure l’educazione musicale che viene sviluppata, dalle materne alle medie, nei nove comuni dell’Area Nord. A questi si aggiunge il progetto di alfabetizzazione degli studenti stranieri dell’istituto superiore Galilei di Mirandola, uno dei sei finanziato a livello provinciale.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 21 aprile 2001
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005