News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2001 · Istruzione

Comunicato stampa N° 280 del 10/03/2001

assegno di studio per gli studenti delle superiori
domande entro il 31 marzo, contributi fino a 2 milioni

á

Sono circa 23 mila gli studenti modenesi delle scuole superiori pubbliche e private che in questi giorni stanno ricevendo il materiale informativo, con Gene Gnocchi come testimonial, che presenta l’opportunità degli assegni di studio. Il budget assegnato alla Provincia di Modena dalla Regione è di oltre un miliardo. Le domande devono essere presentate entro sabato 31 marzo alla segreteria della propria scuola.

Hanno diritto all’assegno, tra un minimo di 720 mila lire fino a un massimo di due milioni, gli studenti meritevoli e con minori possibilità economiche: sono state individuate due fasce (fino a 30 milioni e fino a 52 milioni) da definire sulla base dell’indicatore di condizione economica (Ice), del numero dei componenti della famiglia e di una percentuale del patrimonio.

I moduli per l’autocertificazione sono disponibili anche all’assessorato Istruzione della Provincia (viale Barozzi 340, tel. 059\20.95.02) e su internet (www.provincia.modena.it), mentre per l’assistenza alla compilazione ci si può rivolgere ai Caf, i Centri di assistenza fiscale convenzionati con la Regione. Entro il 10 maggio gli esiti delle domande presentate saranno esposti presso le segreterie delle scuole e pubblicati su internet. Informazioni anche al numero verde regionale: 800.38.82.88.

"L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire il diritto allo studio e ridurre il rischio di abbandono per cause economiche" sottolinea Claudio Bergianti, assessore all’Istruzione, ricordando che le spese giudicate ammissibili sono state ampliate rispetto allo scorso anno. Oltre a quelle per l’iscrizione, per la frequenza (trasporti o mensa), per l’acquisto di libri di testo, vocabolari e computer, è possibile farsi rimborsare al 50 per cento (fino al 90 per cento in caso di alto rischio di abbandono) anche viaggi di istruzione e attrezzature personali per attività didattiche (dai camici da laboratorio alle tute da ginnastica), mentre per i fuori sede è introdotta una cifra forfetaria di 8 mila lire al giorno.

Per rientrare nella categoria dei meritevoli serve la promozione con la media del 7 o equivalente, mentre gli iscritti al primo anno devono aver superato l’esame di terza media almeno con "buono". Per i casi a rischio di abbandono è sufficiente che il Consiglio di classe certifichi una progressione nell’impegno da parte dello studente.

Nello scorso anno scolastico sono stati 675 i ragazzi che hanno usufruito dell’assegno con cifre comprese tra le 800 mila lire e i due milioni. Non furono accolte 110 domande. Complessivamente furono impegnati 675 milioni.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 10 marzo 2001
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005