News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2013 · Agricoltura

Comunicato stampa N° 686 del 28/11/2013

annata agraria \ 1 – risultati in crescita nel 2013

produzioni vegetali in aumento, in calo le animali

Immagine corrente

L'annata agraria 2013 si conclude con un segno positivo: le stime dell'assessorato all'Agricoltura della Provincia di Modena registrano infatti una crescita del 4 per cento della Produzione lorda vendibile (Plv) che arriva a 519 milioni di euro, recuperando la perdita del 2012 e attestandosi sostanzialmente al dato del 2011. A crescere di più è il "peso" delle produzioni vegetali, che compongono il 56 per cento della Plv, mentre le produzioni animali si fermano al 44 per cento soprattutto a causa del calo del comparto del latte vaccino, in particolare per la discesa dei prezzi del parmigiano reggiano, passato dai 10,65 euro al chilo del 2011 (12-15 mesi) agli attuali 8,73.

«Siamo in un momento molto particolare - commenta Luca Gozzoli, assessore provinciale all'Agricoltura - perché si sta aprendo un nuovo settennio di una Pac a cui dobbiamo ancora prendere le misure, e si è chiuso un periodo difficile, dominato dal sisma e dalla siccità de 2012. Ma i risultati positivi di quest'anno ci dicono che siamo sulla buona strada e da qui dobbiamo partire per avviare un nuovo rilancio che dovrà consolidare la nostra agricoltura nel prossimo decennio. C'è da fare ancora tantissimo - prosegue l'assessore - su tutto il territorio con una particolare attenzione per la montagna dove i terreni coltivati continuano a diminuire».

I fattori più positivi dell'annata 2013 sono la crescita del 20 per cento del comparto delle arboree, trainato in particolar modo dal pero e, a seguire, dalla vite e di quello delle colture industriali, con un aumento del 27 per cento dovuto soprattutto alle ottime performance di colza-girasole e barbabietola. Positivo anche il bilancio del comparto delle orticole, in particolare pomodoro da industria e melone. Tra gli aspetti negativi, oltre al calo del comparto del latte vaccino, è da rilevare la diminuzione dei cereali a causa della discesa dei prezzi di mercato e delle rese dei grani, sia tenero che duro.  

Nella graduatoria delle dieci migliori produzioni agricole modenesi al primo posto si trova il latte vaccino che rappresenta il 29 per cento della Plv, al secondo posto il pero, salito al 21 per cento, mentre al terzo si piazza la vite. Seguono la carne suina, che vede un calo del numero di animali allevati, il frumento tenero, la carne bovina, il granturco, e poi ciliegio, susino e sorgo (in aumento). «Non c'è un prodotto che domina in assoluto nell'agricoltura modenese - afferma Gozzoli - e questa varietà rappresenta un fattore positivo perché consente a tante aziende di essere protagoniste».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
28/11/2013
Numero
686
Ora
13,50
chiusura della tabella

Documentazione allegata

Allegati

 
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 28 novembre 2013
ciliege bassa.JPG (125Kb)
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: giovedý 28 novembre 2013
data di modifica: giovedý 28 novembre 2013