News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2014

28 maggio 2014

29 maggio 2012 la seconda grande scossa

A due anni dal sisma del 29 maggio 2012 sono diverse le iniziative, concerti, mostre, incontri per ricordare quella devastante scossa che nel Modenese uccise diciannove persone

Immagine corrente

A due anni dal sisma del 29 maggio 2012 sono diverse le iniziative, concerti, mostre, incontri per ricordare quella devastante scossa che nel Modenese uccise diciannove 19 persone nel crollo di capannoni, abitazioni e edifici, la maggior parte lavoratori e piccoli imprenditori, e provocò i danni maggiori alle abitazioni e alle aziende, acuendo il disastro di nove giorni prima.

Ecco gli appuntamenti per ricordare e per fare un punto sulla ricostruzione che sta coinvolgendo l'intera area emiliana colpita dal sisma.

A Mirandola, commemorazione ufficiale delle vittime. Alle 10 in tutte le classi della scuola primaria si osserverà un minuto di silenzio.
Presso le Scuole Medie "Montanari" si svolgerà alle 10.30 un ricordo pubblico e, a seguire, una cerimonia di ringraziamento da parte delle Polizie municipali intervenute durante l'emergenza; alle 17 saranno scoperte delle targhe dedicate ai volontari delle protezioni civili e dell'Anpas, alle 18.30 inaugurerà una mostra sulla ricostruzione (nel Foyer del Teatro Nuovo) e si terrà la premiazione delle borse di studio finanziate dall'Ordine degli Ingegneri di Torino.
Alle ore 21, Mirandola chiuderà la celebrazione con il concerto della banda "Città di Rimini", in piazza Conciliazione, ensemble che nei mesi scorsi ha svolto iniziative benefiche per la città dei Pico.

A Cavezzo, "il ricordo e la speranza" saranno testimoniati con un minuto di raccoglimento, alle ore 9, in tutte le sedi pubbliche. Alle ore 20,30 nel Centro di Comunità in via Volturno sarà celebrata una Messa, mentre alle 21,00 in piazza Martiri i cittadini daranno vita a una fiaccolata che percorrerà le strade del paese insieme alla "Corale Puccini" di Sassuolo.

Medolla, dopo il 20 celebrerà la "giornata del ricordo" con un minuto di silenzio, alle ore 9, e la proclamazione del lutto cittadino, con ritrovo davanti alla scuola "Alighieri" in via Genova.
Alle ore 19 messa di suffragio per le vittime nella chiesa dei Ss. Senesio e Teopompo, via San Matteo. Dalle 21 fiaccolata del ricordo (percorso da piazza Garibaldi alla Haemotronic con ritorno sulla via San Matteo). Alla partenza e al termine si terranno due brevi esibizioni della banda intercomunale di Medolla-San Felice-Camposanto.
L'ultima tappa sarà presso il campanile smontato della chiesa storica di Medolla, davanti al quale la poetessa Manuela Bellodi reciterà alcune liriche tratte dal suo libro "Il mio cuore è un campanile".

San Felice sul Panaro dice "I Love Emilia", per raccontare e dire grazie. L'iniziativa, organizzata da Fondartigianato ed Eber, vuole essere segno del ringraziamento: l'appuntamento è dalle ore 10 al Pala Round Table Palatenda di piazza Italia. Gli ospiti saranno accolti con un caffè di benvenuto e salutati alla fine dell'iniziativa con un buffet preparato e servito dalle ragazze e dai ragazzi della Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni.

Modena propone il film "Tellurica, racconti dal cratere". "Tellurica" è la realizzazione cinematografica del progetto Sisma Emilia, nato nell'immediato post-terremoto riunendo un Collettivo formato da registi, creativi, attori, autori, produttori e addetti ai lavori provenienti dalle zone terremotate. Il progetto è interamente autoprodotto, con il patrocinio della Provincia di Modena, del Comune di Modena, della Regione Emilia-Romagna, dell'Unione dei Comuni Modenesi Area Nord e dei Comuni di Carpi e Novi. Il film sarà proiettato alle 20.30 e alle 22.30 alla sala Truffaut, in via degli Adelardi 4, con ingresso a offerta libera. Il ricavato sarà destinato a progetti per la ricostruzione. Saranno presenti registi, attori, produttori e membri del Collettivo Sisma Emilia.

A Reggio Emilia si ricorderà il sisma presentando il volume "Il terremoto muove tante idee, il sisma nella provincia di Modena visto con gli occhi dei protagonisti" a cura del Gruppo sisma del Coordinamento pedagogico provinciale di Modena, organismo al quale partecipano i coordinatori pubblici e privati dei servizi per bambini fino a sei anni, con la collaborazione della Provincia di Modena.
Il libro (edizioni Junior, in libreria, 32 euro) sarà presentato nel corso di un incontro pubblico alle ore 17 alla Mediateca del palazzo universitario "Dossetti", in viale Allegri 9. Tutto il ricavato delle copie vendute nel corso della presentazione sarà destinato al Comune di Novi per l'acquisto dell'arredo esterno del nido d'infanzia che riaprirà a settembre.
Dopo i saluti di Angelo Oreste Andrisano, rettore dell'Università di Modena e Reggio Emilia, intervengono Rita Nicolini, responsabile della Protezione civile provinciale; Paola Sacchetti, del coordinamento pedagogico Unione Terre d'argine; Nora Marzi, responsabile del servizio Psicologia Area nord dell'Ausl di Modena, e Giovanni Fattori, presidente del Consorzio 5.9 ShopBox di Cavezzo. Partecipano anche pedagogisti, psicologici e operatori coinvolti nelle operazioni di emergenza.

ProprietÓ dell'articolo
fonte: Regione Emilia Romagna
data di creazione: giovedý 29 maggio 2014
data di modifica: martedý 2 dicembre 2014