News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2013

13 settembre 2013

Domenica 15 settembre l’apertura della caccia

Impegnate quasi cinque mila doppiette modenesi

Immagine corrente

Apre ufficialmente domenica 15 settembre la caccia alla selvaggina stanziale, come lepri e fagiani, che vede impegnate quasi cinque mila doppiette modenesi (alle quali si aggiungono quasi due mila cacciatori non residenti). Fino al 31 gennaio è possibile esercitare la caccia tutti i giorni (per un massimo di tre giorni in forma vagante) ad esclusione del martedì e il venerdì, con limitazioni a seconda del tipo di caccia. La caccia collettiva al cinghiale, invece, apre il 1 ottobre, mentre il 5 ottobre parte la caccia di selezione al cervo maschio.

«Da domenica - sottolinea Luca Gozzoli, assessore provinciale all'Agricoltura con delega alle Politiche faunistiche - l'attività venatoria entra nel vivo coinvolgendo praticamente tutti i cacciatori modenesi. Il calendario venatorio, con le sue severe regole e scadenze, ci consente di rispondere al meglio e con maggiori certezze alle esigenze di gestione, tutela e controllo del territorio, assicurando anche un efficace riequilibrio faunistico. Le novità introdotte in questi ultimi anni, inoltre, hanno comportato una intensificazione della selezione degli ungulati con risultati positivi sempre più evidenti».

In vista dell'apertura, i cacciatori modenesi stanno ritirando nei Comuni di residenza il tesserino regionale, un libretto dove ogni cacciatore deve trascrivere negli appositi spazi oltre la data, la sigla dell'Atc o Afv anche il tipo di caccia svolto quel giorno (da appostamento o vagante).

Il calendario provinciale definisce anche le norme comportamentali per la salvaguardia dell'ambiente agroforestale: quando e come si può entrate in un frutteto o in un campo coltivato o in una zona di rimboschimento.

Dal 1 settembre era scattata la fase di preapertura della caccia esclusivamente per alcune specie di uccelli: ghiandaia, cornacchia grigia, gazza, merlo e tortora con limitazioni. Prosegue fino al 30 settembre la caccia di selezione al daino maschio in montagna e collina, dove la Provincia ha indicato l'obiettivo della presenza zero, mentre la caccia di selezione al cinghiale prosegue fino al 31 gennaio allo scopo di rafforzare il contrasto all'eccessiva presenza.

La caccia di selezione viene effettuata da circa millecinquecento cacciatori autorizzati sulla base dei piano di abbattimento stabilito dalla Provincia.

Il calendario venatorio provinciale è disponibile nel sito www.provincia.modena.it  nella sezione Politiche faunistiche.

ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 13 settembre 2013
data di modifica: venerdý 11 ottobre 2013