News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2011 · Territorio

Comunicato stampa N° 913 del 27/9/2011

certificato antimafia, è già chiesto da chi appalta

osservatorio: “un errore eliminare lo strumento”

«Già ora, nella realtà modenese, il certificato antimafia è chiesto direttamente dalle stazioni appaltanti alla Prefettura, senza alcun onere aggiuntivo per le aziende. E gli enti locali stanno già iniziando ad applicare le disposizioni del protocollo sottoscritto con la Prefettura che abbassa la soglia per rendere necessaria la certificazione». E' la precisazione rispetto alle dichiarazioni del ministro Brunetta del direttore dell'Osservatorio provinciale appalti Vincenzo Pasculli che sottolinea come «sarebbe un errore eliminare questo strumento soprattutto in un momento dove si avverte piuttosto la necessità di tenere alta la guardia rispetto ai segnali di aumento del lavoro nero, che fanno crescere la preoccupazione per il rischio di concorrenza sleale e di infiltrazioni della criminalità organizzata in un tessuto economico che comunque resiste alla diffusione dell'illegalità».

Con il nuovo protocollo promosso dalla Prefettura il certificato antimafia viene richiesto per tutti gli appalti pubblici superiori a 250 mila euro e per i subappalti sopra i 50 mila euro. Il limite per gli appalti fissato dalla normativa è di 4 milioni e 845 mila euro, per i subappalti di 154 mila euro. Già in precedenza, comunque, le stazioni appaltanti richiedevano comunque un certificato camerale antimafia anche per gli appalti, la maggior parte, il cui valore rimaneva sotto la soglia di legge.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
27/9/2011
Numero
913
Ora
18.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: martedý 27 settembre 2011
data di modifica: martedý 27 settembre 2011