News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2011

5 dicembre 2011

Annata agraria 2011

Nel 2011 si registra ancora un lieve aumento dell'agricoltura modenese. Nelle produzioni vegetali bene i cereali, male la frutta, in calo pere e ciliegie, aumentano vite e pomodori. La zootecnia cresce dell’11%, bene il latte, più capi bovini, meno suini.

Immagine corrente
L'agricoltura modenese nel 2011 continua a crescere di valore, anche se a un ritmo più lento rispetto al 2010. Le prime stime dell'assessorato Agricoltura della Provincia di Modena, registrano una lieve crescita rispetto all'anno precedente dello 0,2 per cento della produzione lorda vendibile arrivando a 523 milioni di euro di cui il 51,5 per cento sono produzioni vegetali, mentre il 48,5 per cento deriva dalla zootecnia.

Il risultato scaturisce dall'andamento negativo delle produzioni vegetali (in calo dell'8,5 per cento, a causa in buona parte dell'andamento climatico sfavorevole a diverse colture, ma soprattutto per la flessione dei prezzi), combinato con i risultati positivi della zootecnia che registra un più 11 per cento grazie anche al settore lattiero caseario a più 16 per cento.

«Il settore - sottolinea Giandomenico Tomei, assessore provinciale all' Agricoltura - conferma il boom registrato del 2010, grazie ai buoni risultati delle nostre eccellenze come il parmigiano reggiano e la vite. Positivo anche il settore dei suini che inverte la tendenza negativa di questi ultimi anni».

Nelle produzioni vegetali (complessivamente oltre 269 milioni di euro) permangono fattori critici come nel caso dei fruttiferi che, a causa dell'andamento climatico sfavorevole a diverse colture (pere, ciliegio), ma soprattutto per la flessione dei prezzi di mercato dopo l'autentico boom del 2010, evidenziano un calo del 18 per cento del valore (era aumentato del 31 per cento nel 2010). Bene invece la vite, che nonostante una contrazione della produzione registra un aumento del valore, e i cereali (quasi più 20 per cento), grazie ad un buon andamento di frumento tenero, granoturco, riso e sorgo, in calo frumento duro e orzo.
Sempre nell'abito delle produzioni vegetali, registrano un andamento di mercato negativo le industriali (meno 12 per cento), a causa del calo di superficie della barbabietola; male la soia (meno 25 per cento), bene colza (più 66 per cento) e girasole (più 84 per cento).
Nelle orticole bene il pomodoro (più 13 per cento), il melone (più 44 per cento) e la fragola (più 45 per cento); male invece il cocomero (meno 58 per cento) a causa del calo dei prezzi mentre la patata (meno 89 per cento), i fagioli e fagiolini (meno 33 per cento) e i piselli (meno 52 per cento) calano anche per effetto della diminuzione della superficie a produzione.
Nel settore delle arboree invece il pero cala del 29 per cento, il ciliegio del 34 per cento, mentre l'albicocco cresce del 15 per cento; come detto, segnali soddisfacenti vengono dalla vite che registra un aumento del valore dell'11 per cento soprattutto grazie all'aumento dei prezzi mentre cala la superficie anche per gli interventi di ammodernamento.

Nel settore delle carni, il buon andamento dei prezzi sta sostenendo una ripresa della carne suina, dopo crisi del settore degli ultimi anni; calano invece i valori della produzione per la carne bovina e ovicaprini.
La zootecnia modenese nel suo complesso vale 253 milioni di euro e si registra una crescita dell'11,5 per cento rispetto all'anno precedente grazie soprattutto al parmigiano reggiano e ai prezzi positivi delle carni suine.
Il settore lattiero-caseario segna la crescita maggiore con un più 16 per cento che arriva dopo il più 13 per cento del 2010. Il valore della produzione delle carni bovine cala del 5,4 per cento, come i conigli (meno 17 per cento) e gli ovi-caprini (meno 19 per cento); bene invece i suini (più 6,3 per cento), gli avicoli (più 5 per cento) e le uova (più 1,4 per cento).
Permangono, tuttavia, i problemi strutturali, come la progressiva diminuzione del numero dei capi che interessa trasversalmente tutti i settori anche se nel 2011 si è registrata una ripresa del numero dei bovini (saliti da 92.893 capi a 94.458 dopo anni di costante diminuzione); calano ancora i capi suini che arrivano a 320.049 (nel 2022 i suini nel modenese erano 473.195) con conseguente calo dei quintali di carne prodotti arrivati nel 2011 a poco oltre 362mila mentre nel 2002 nel modenese si producevano quasi un milione di quintali di carne suina.
Per quanto riguarda la zootecnia minore si registra un calo degli ovini da 4.437 a 3.788 capi, mentre i caprini scendono da 2.503 a 2.387 capi. Salgono invece gli equini con un incremento da 4.104 a 4.190, in gran parte cavalli.

Nella graduatoria dei prodotti più significativi del territorio modenese al primo posto spicca il latte per la produzione di parmigiano reggiano che da solo rappresenta il 34 per cento (con un valore di oltre 177 milioni) della produzione lorda vendibile, al secondo posto il pero con il 16 per cento, la carne suina e la vite sono al terzo posto con il 9 per cento; poi il granoturco (7 per cento, frumento (6 per cento), la carne bovina, ciliegio, susino, sorgo, barbabietola e melo.
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e Web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: lunedý 5 dicembre 2011
data di modifica: lunedý 5 dicembre 2011