News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2010

12 novembre 2010

Donne penalizzate dalla crisi

Allarme dalla consigliera di parità Barbara Maiani. Con la crisi sempre più discriminazioni sul lavoro

Immagine corrente

La crisi fa aumentare i casi di discriminazione sul lavoro a danno delle donne. A testimoniarlo sono i numeri registrati da Barbara Maiani, la nuova consigliera di parità della Provincia di Modena entrata in carica nelle scorse settimane, che segnala un aumento del 50 per cento dei casi presi in carico dall'ufficio e la loro diversa natura. Fino ai primi mesi del 2010, infatti, il ricorso alla consigliera di parità avveniva soprattutto per discriminazioni legate al genere (tre volte su dieci), con vessazioni e comportamenti mobbizzanti, e per mancati pagamenti di spettanze retributive e discriminazioni salariali (circa il 25 per cento dei casi).

Negli ultimi due mesi invece sempre più casi, intorno al 35 per cento, riguardano aziende in crisi dove vengono denunciati comportamenti discriminatori nell'assegnazione di mansioni, di trasferimenti e nella rotazione della cassa integrazione. Nella stessa percentuale vengono lamentati problemi legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e alla gestione dei figli.

«La crisi ha generato un aumento e una nuova tipologia di discriminazione sui luoghi di lavoro, come la mancata rotazione della cassa integrazione, anche se le più colpite restano comunque le donne» commenta Barbara Maiani che in questi giorni sta svolgendo una serie di incontri con i rappresentanti dei sindacati e delle associazioni di categoria per approfondire il quadro della situazione.

Secondo la consigliera di parità, che sottolinea di aver trovato una grande disponibilità dei datori di lavoro a trovare soluzioni concilianti per il lavoratore, aumentano le persone che si rivolgono all'ufficio anche perché «prima della crisi, in caso di discriminazione o di "incompatibilità ambientale" si riusciva più facilmente a risolvere il problema da soli cambiando lavoro, cosa che oggi non è quasi più possibile. A fronte di un aumento dei ricorsi - aggiunge Maiani - crescono però anche i casi di persone che pur essendo discriminate si limitano a chiedere solo un parere perché temono, in caso di intervento dell'ufficio, di perdere il posto di lavoro».

L'ufficio della consigliera di parità risponde al numero 059 209055 il lunedì e il martedì dalle 14,30 alle 17,30; il giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. La consigliera riceve su appuntamento il giovedì negli stessi orari.

ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e web
fonte: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 12 novembre 2010
data di modifica: venerdý 12 novembre 2010