News

Comunicati Stampa

Salta il menù di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2010 · Scuola

Comunicato stampa N° 1031 del 15/10/2010

scuola \ 3 – cambi di istituto per carenza di posti

malaguti: “al fermi 500 mila € per ampliamento”

«Sono 33 i ragazzi che, per l'anno scolastico 2010/2011, hanno rinunciato a iscriversi al Fermi e 85 quelli che non sono entrati al Selmi». Lo ha comunicato Elena Malaguti, assessore provinciale all'Istruzione, ricordando che «la possibilità di un'eccedenza delle domande rispetto ai posti disponibili nelle scuole è prevista da una circolare dello stesso ministro Gelmini che, infatti, chiede alle famiglie di indicare in subordine nella domanda di iscrizione almeno altri due istituti di proprio gradimento, oltre alla scelta principale».

L'assessore Malaguti è intervenuta, durante il Consiglio provinciale sulla scuola di mercoledì 13 ottobre, rispondendo a un'interpellanza di Dante Mazzi, capogruppo Pdl, sulla carenza di aule nei due istituti scolastici modenesi che, ha affermato il consigliere, «è strutturale e preclude la libertà di scelta delle famiglie». Mazzi ha poi puntato l'attenzione sulle strutture provvisorie degli istituti scolastici domandando «che cosa non ha funzionato nella programmazione».

Nella risposta, l'assessore Malaguti ha annunciato che, grazie al finanziamento straordinario della Fondazione Cassa di risparmio di Modena di 500 mila euro, si sta procedendo ad avviare l'intervento di ristrutturazione della palazzina ex Bidinelli che servirà ad ampliare il Fermi, mentre l'ampliamento del Selmi, previsto nel piano degli investimenti 2008/2010, «è bloccato per le difficoltà del bilancio. Aspettiamo - ha detto l'assessore - che lo Stato ci permetta di inserire nel prossimo piano triennale l'intervento per dotare la scuola di spazi adeguati». L'assessore ha comunque ribadito che «la riforma degli ordinamenti della scuola superiore avrà inevitabili ripercussioni sulle scelte dei giovani. Oggi risulta quindi inutile riprogrammare gli spazi perché, finché la riforma non sarà completamente applicata, non è possibile sapere quali indirizzi prenderanno».

Riconoscendo «i passi fatti», Dante Mazzi ha però sottolineato che «l'edilizia scolastica, che inevitabilmente influenza le scelte degli studenti, dipende dalle scelte di bilancio e quindi la responsabilità è della Provincia».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
15/10/2010
Numero
1031
Ora
13,00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
Proprietà dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdì 15 ottobre 2010
data di modifica: venerdì 15 ottobre 2010