News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1105 del 8/11/2010

saharawi, vaccari rilancia appello dopo le violenze

“rispetto dei diritti umani e delle risoluzioni onu”

«Mobilitarsi per chiedere al governo italiano di impegnarsi direttamente per il rispetto dei diritti umani e delle risoluzioni Onu nel Sahara occidentale». L'appello di Omar Mih, rappresentante in Italia del fronte Polisario e del popolo Saharawi che è intervenuto in una conferenza stampa dell'Assemblea legislativa dell'Emilia Romagna per denunciare l'aggressione in corso nell'area di El Aayoun, che avrebbe provocato 12 morti e oltre 200 feriti, viene rilanciato dall'assessore della Provincia di Modena Stefano Vaccari, che nelle scorse settimana ha ricevuto un gruppo di 28 bambini proveniente proprio da una tendopoli della zona.

Vaccari si rivolge agli enti  locali gemellati, ai comitati e alle associazioni che ospitano i bambini di estate invitandoli alla mobilitazione affinché «si chieda al regno del Marocco il rispetto del diritto internazionale e dei più elementari diritti umani». Una risoluzione con questi contenuti è stata approvata nei giorni scorsi all'unanimità dall'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna.

Con El Aayoun la Provincia è legata da 14 anni da un patto d'amicizia allo scopo di promuovere interventi di aiuto e solidarietà e iniziative socio-sanitarie e culturali.

«Nei prossimi giorni - annuncia l'assessore Vaccari - organizzeremo nella sede della Provincia un'iniziativa per denunciare pubblicamente i gravi fatti e le violenze che stanno avvenendo in queste ore nei territori saharawi occupati illegalmente da 35 anni dal Marocco».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
8/11/2010
Numero
1105
Ora
17.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: lunedý 8 novembre 2010
data di modifica: lunedý 8 novembre 2010