News

Comunicati Stampa

Salta il menù di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 779 del 13/8/2010

“armonie” a costrignano (palagano) lunedì 16 agosto

concerto per organo con stefano manfredini

Si apre con una "Toccata in sol" di Pasquini il concerto dell'organista modenese Stefano Manfredini che si svolge lunedì 16 agosto nella chiesa di Santa Margherita d'Antiochia a Costrignano di Palagano nell'ambito della rassegna "Armonie fra musica e architettura". Il concerto inizia alle 21, l'ingresso è libero. Nel programma previsti anche brani di Gherardeschi, Morandi e Zipoli.

Michele Manfredini insegna Organo all'Istituto diocesano di Musica sacra di Modena e dallo scorso anno è membro del consiglio direttivo dell'Associazione italiana Santa Cecilia, dopo essersi diplomato  e poi laureato in Organo al conservatorio Campiani di Mantova. Manfredini è organista titolare del monumentale organo Tamburini della chiesa di san Giovanni Bosco a Bologna.

"Armonie", la rassegna di concerti nelle chiese del territorio modenese, è promossa dalla Provincia di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con la direzione artistica dell'associazione "Amici dell'organo Johann Sebastian Bach".

Tra gli obiettivi anche la valorizzazione del ricco patrimonio di chiese e pievi della provincia, come la parrocchiale di Santa Margherita, soggetta inizialmente all'Abbazia di Frassinoro e poi alla pieve di Monchio, che fu ricostruita in forme classiche nel 1886 su progetto dell'ingegner Antonio Vandelli riutilizzando conci e rilievi della chiesa precedente. Tra questi si nota, sulla facciata, la formella in arenaria scolpita a rilievo con la figura di un drago dalla coda attorcigliata che è attributo iconografico di Santa Margherita: il drago infatti simboleggia il demonio che la santa sottomise con il segno della Croce.

La chiesa ospita uno degli organi più importanti della provincia, costruito da Antonio e Giosuè Battani nel 1894. Collocato in cassa lignea a lato del pulpito, ha una tastiera di 58 note e una pedaliera di 27. Lo strumento è stato restaurato nel 2002, con il contributo della Provincia di Modena, da Pier Paolo Bigi.

 

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
13/8/2010
Numero
779
Ora
14.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
Proprietà dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdì 13 agosto 2010
data di modifica: venerdì 13 agosto 2010