News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2010 · Associazionismo

Comunicato stampa N° 735 del 5/8/2010

modenesi a corleone tra lavoro e lotta alla mafia

in provincia i volontari arci “cittadini onorari”

Hanno trascorso due settimane lavorando a fianco di chi ogni giorno lotta contro la mafia. I volontari modenesi partiti a luglio per il campo di lavoro nella città di Corleone sono tornati e giovedì 5 agosto sono stati ricevuti dal presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini che li ha accolti ringraziandoli per l'impegno dimostrato che «rappresenta una testimonianza forte e concreta della sensibilità dei giovani per il tema della legalità e della loro volontà di andare oltre i luoghi comuni, così come dell'attenzione del nostro territorio verso questi argomenti».

Il campo di lavoro, svoltosi dal 9 al 23 luglio, rientra nel progetto nazionale "LiberArci dalle spine" ed è stato promosso da Arci Modena con il contributo della Provincia. Tutti i volontari hanno ricevuto, non senza sorpresa, la cittadinanza onoraria della cittadina siciliana. All'incontro con il presidente Sabattini, accompagnati dalla presidente dell'Arci di Modena Greta Barbolini, erano presenti il coordinatore del gruppo Elia Zanetti e tre dei cinque partecipanti modenesi, tutti tra i 18 e i 28 anni: Valerio Lambiase, Nadia Luppi e Irene Parenti.

«Durante il campo abbiamo avuto modo di incontrare i personaggi che oggi sono il simbolo della lotta alla mafia, da Rita Borsellino ad Antonio Ingroia» ha raccontato Elia Zanetti ricordando anche che lo scorso 19 luglio il gruppo ha preso parte alla manifestazione in ricordo della strage di via D'Amelio a Palermo: «Ma forse più di tutte le parole è contato vivere e lavorare in un luogo che noi conosciamo solo attraverso lo stereotipo di capitale della mafia siciliana».

I volontari hanno partecipato alla vita della cooperativa sociale "Lavoro e non solo", che nel territorio di Corleone gestisce vigneti, uliveti e campi coltivati a grano e legumi. Sono stati visitati anche alcuni luoghi simbolo della lotta alla mafia: la casa di Totò Riina nella stessa Corleone, oggi sede della Guardia di Finanza; la casa confiscata al boss Bernardo Provenzano, futuro Museo della legalità; Portella della Ginestra, luogo dell'omonima strage del 1947; la sede dell'emittente locale Telejato a Partinico, che dal 1989 denuncia azioni e abusi perpetrati da esponenti della mafia siciliana.

«Educare al rispetto della legalità e al principio della responsabilità individuale è fondamentale per le giovani generazioni. A Corleone - annuncia Greta Barbolini -  è iniziato un percorso che continuerà anche  Modena  e per tutto l'anno. Per questo già da settembre organizzeremo due giornate di formazione e progettazione per i volontari emiliano romagnoli perché riteniamo sia importante mantenere vivi i presupposti del progetto. Per il 2011 contiamo di rafforzarlo per offrire a un maggior numero di giovani modenesi l'opportunità di fare un'esperienza formativa così importante».

Nel 2010 Arci ha organizzato a livello nazionale ben 17 campi di lavoro tra Toscana, Puglia, Calabria e Sicilia coinvolgendo circa 500 volontari. Per informazioni: www.arcimodena.org.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
5/8/2010
Numero
735
Ora
14.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: giovedý 5 agosto 2010
data di modifica: giovedý 5 agosto 2010