News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2009 · Territorio

Comunicato stampa N° 286 del 16/3/2009

casa \ 1 – “servono 20 mila alloggi entro il 2015”

maletti e muzzarelli al governo: “risorse, non spot”

«Nei prossimi sei anni nel territorio modenese servono 20 mila nuovi alloggi e almeno un quarto di questi dovranno essere di edilizia sociale, pubblica o privata, se vogliamo alimentare un mercato dell’affitto oggi inadeguato». Lo ha affermato l’assessore provinciale alle Politiche abitative Maurizio Maletti nella relazione introduttiva del Forum sulla casa (“Risposte possibili per un diritto primario”) che si è svolto lunedì 16 marzo nella sede della Provincia di Modena con l’intervento anche di Gian Carlo Muzzarelli, assessore regionale a Programmazione e sviluppo territoriale, di Luciano Cecchi, presidente nazionale Federcasa e del presidente della Provincia Emilio Sabattini.

Il calcolo del fabbisogno tiene conto dell’aumento della popolazione (le proiezioni stimano che i modenesi saranno circa 730 mila nel 2015 rispetto agli attuali quasi 690 mila), del “residuo” di alcune decine di migliaia di alloggi già programmati ma non ancora realizzati e anche della crisi di un settore «che dovrà riposizionarsi sempre più sulle riqualificazioni urbane, sulle ristrutturazioni e i recuperi» ha aggiunto Maletti facendo riferimento agli obiettivi del Ptcp, il Piano territoriale di coordinamento provinciale la cui approvazione definitiva è in programma mercoledì 18 marzo, che prevede appunto di «contenere l’uso di nuovo territorio a fini residenziali privilegiando il recupero, la riqualificazione, il riuso dell’esistente, oltre che di contrastare la dispersione insediativa puntando sulla “città compatta”, dotata dei servizi necessari».

Rispetto agli annunci del governo, Maletti ha ribadito la richiesta di «un autentico Piano casa, con risorse certe e non affidate a spot propagandistici, che possa consentire di costruire case in regola e non in deroga», pur riconoscendo la necessità di interventi che favoriscano la semplificazione amministrativa, come è allo studio con la nuova legge regionale: dall’aggiornamento degli strumenti urbanistici («pur mantenendoli in capo ai Consigli comunali») all’uniformità su area vasta dei regolamenti.

«Se l’aumento del 20 per cento – ha esemplificato Maletti – venisse applicato alla realtà della città di Modena e prendendo i valori del 1991 (70 mila alloggi per sette milioni di metri quadri), significherebbe prevedere un milione e 400 mila metri quadri in più di costruito equivalenti a 14 mila alloggi».

La richiesta di una «seria politica nazionale per la casa» è stata avanzata anche dall’assessore regionale Muzzarelli che ha ribadito: «Proprio in questo momento di crisi economica va alzata l’asticella della qualità con uno sviluppo che veda territori sempre più attraenti al centro delle politiche abitative». Muzzarelli ha quindi sottolineato come vada «rafforzata la qualità del progetto urbano per rispondere alle nuove esigenze della società in mutamento. In questo modo potremo contribuire a rafforzare non solo l’economia, ma anche la coesione sociale, il welfare, la mobilità, la sicurezza urbana e la legalità». E a questo proposito, Muzzarelli ha indicato come strumenti l’intensificazione dei controlli e la valorizzazione del ruolo degli osservatori sugli appalti, utili a «tenere lontane le cattive compagnie».

Luciano Cecchi, presidente nazionale Federcasa, ha criticato l’effetto annuncio dei provvedimenti nazionali auspicando la rapida definizione di interventi concreti e ha ricordato come da un certo tipo di incentivi «rimangano sempre esclusi i più poveri». Il presidente della Provincia Emilio Sabattini ha sottolineato l’attualità del «diritto di accesso alla casa», la necessità di una effettiva semplificazione amministrativa («non significa rinunciare alle regole, ma di fronte all’eccesso di burocratizzazione serve una svolta, in caso contrario vince chi vuole le “mani libere”») e di maggiori controlli sul settore per evitare infiltrazioni della criminalità. E rispetto all’uso del territorio, sempre più scarso, ha ribadito l’invito a «guardare in alto, costruendo anche in altezza, se vogliamo consumarne meno».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
16/3/2009
Numero
286
Ora
14.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: lunedý 16 marzo 2009
data di modifica: lunedý 16 marzo 2009