News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2009 · Sociale e salute

Comunicato stampa N° 1261 del 4/12/2009

ecco tutti gli “affari” delle banche del tempo \ 1

sabato 5 dicembre a modena il convegno regionale

Corsi d'inglese o di cucito, camicie da stirare, lavoretti domestici, torte e addobbi natalizi, ma anche aiuti per gli anziani dei centri sociali e attività da baby sitter. Sono alcuni esempi degli "affari" che propongono le 47 Banche del tempo attive a livello regionale (sette a Modena), particolari istituti di credito dove le cifre su conto corrente e assegni non indicano il denaro ma le ore disponibili per essere scambiate. Per i correntisti di queste Banche, oltre duemila in regione, infatti, è il tempo il bene prezioso da mettere in circolazione per sviluppare le relazioni tra le persone e migliorare la qualità della vita.

Alle Banche del tempo e alle loro esperienze di collaborazione con gli enti locali è dedicato il convegno regionale che si svolge sabato 5 dicembre a Modena (ore 9,30, sala Panini della Camera di commercio in via Ganaceto 134) con gli interventi di esperti e protagonisti. Introducono l'assessore alla Promozione delle politiche sociali della Regione Emilia Romagna Annamaria Dapporto e il vicepresidente della Provincia di Modena Mario Galli.

Oltre a una tavola rotonda con rappresentanti di Comuni e associazioni, è previsto un approfondimento sulle "Reti di economia solidale nel contesto della crisi attuale" curato da Mauro Bonaiuti dell'Università di Modena e Reggio Emilia. «In tempi di instabilità lavorativa ed economica - spiegano i promotori del convegno - il ruolo delle Banche del Tempo e il loro coinvolgimento nella programmazione territoriale può aprire, infatti, inediti spazi di promozione delle risorse individuali portate a valore in una dimensione di scambio reciproco».

Nel corso del 2008 a livello regionale sono stati registrate circa 15 mila ore scambiate. Nella Banca, infatti, le persone mettono a disposizione il proprio tempo per determinate prestazioni guadagnandosi il diritto di riceverne altre. Si depositano, quindi, ore e bisogni e i flussi di tempo in entrata e in uscita sono regolati dal principio dello scambio. Il valore centrale è il tempo non il carattere della prestazione: un'ora per fare una torta o stirare qualche camicia equivale a un'ora di baby sitting o di lezione di inglese. «In questo modo - spiegano i promotori - tutti i soggetti coinvolti sono in posizione di parità, senza posizioni o ruoli predefiniti».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
4/12/2009
Numero
1261
Ora
14.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 4 dicembre 2009
data di modifica: venerdý 4 dicembre 2009