News

Comunicati Stampa

Salta il menù di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2009 · Sociale e salute

Comunicato stampa N° 1100 del 21/10/2009

in consiglio la pillola abortiva ru486\2–il dibattito

“solo un farmaco”, “ma rischia di violare la 194”

Il dibattito sulle modalità di utilizzo della pillola RU486 è stato aperto da Cecile Kyenge Kashetu (Pd) secondo la quale «non spetta alla politica ma alla scienza determinare le tecniche che un medico deve applicare. Alla Provincia dovrebbe spettare il compito di studiare politiche di sostegno alla maternità e alla famiglia». Anche Patrizia Cuzzani (Idv) ha sottolineato che «si sta parlando di un farmaco e non di una scelta ideologica» affermando anche che «sarebbe opportuno sostenere politiche per la contraccezione».

Per Bruno Rinaldi (Pdl) non si può trascurare «che questo farmaco provoca la morte di qualcuno. La donna dovrebbe essere invece aiutata in tutti i modi a non abortire».

Secondo Fabio Vicenzi (Udc) «la legge 194, che sancisce la tutela della vita dal concepimento, non è applicata nella sua interezza. Questa pillola rischia di facilitare la pratica abortiva, ancora una volta in violazione della legge». Anche per Giovanna Bertolini (Pdl) l'utilizzo della RU486 «porta a una banalizzazione dell'aborto anche perché i tempi sono strettissimi e invece il percorso previsto dalla legge 194 è lungo. Inoltre, una volta deciso, le donne dovrebbero essere seguite dall'inizio alla fine in ospedale».

Giorgio Siena (Pd) ha ricordato che «questo farmaco negli altri paesi viene applicato da vent'anni senza particolari conseguenze, quindi l'ostilità nei suoi confronti mi sembra dettata da motivi che non possono essere tecnici». 

Nella replica Luca Ghelfi (Pdl) ha definito la risposta dell'assessore Galli «tecnicamente ineccepibile ma non soddisfacente dal punto di vista politico. La tutela della vita, prevista dalla legge 194, deve essere rimessa al centro del dibattito». Anche Dante Mazzi (Pdl), dichiarandosi non soddisfatto, ha sostenuto la necessità «di un'applicazione puntuale della legge 194».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
21/10/2009
Numero
1100
Ora
18,30
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
Proprietà dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: mercoledì 21 ottobre 2009
data di modifica: mercoledì 21 ottobre 2009