News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2009 · Economia

Comunicato stampa N° 318 del 23/03/2009

crisi \ 1 - mutui e sussidi, accordo provincia-banche

per i lavoratori in cassa integrazione straordinaria

Un plafond di 3 milioni e mezzo di euro per anticipare ai lavoratori il trattamento economico di cassa integrazione straordinaria, e la possibilità di sospendere il pagamento delle rate del mutuo per la prima casa. Sono gli impegni che i tre principali istituti di credito del territorio – Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banco S. Geminiano e S. Prospero e Unicredit Banca – assumeranno con la firma di uno specifico protocollo d’intesa proposto dalla Provincia di Modena che ha come obiettivo il sostegno ai lavoratori e alle imprese in situazione di crisi. (comunicato n. 319).

«Si tratta di un intervento importante, dal momento che la procedura adottata dall’Inps per il pagamento del sussidio di cassa integrazione straordinaria prevede tempi di erogazione della durata di alcuni mesi, rischiando di lasciare i lavoratori e le loro famiglie senza reddito per un periodo significativo» ha spiegato il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini, presentando i termini dell’accordo insieme ai responsabili dei tre istituti di credito: il direttore generale Emilia Ovest di Unicredit Banca Giancarlo Mattei, il vicedirettore generale Bper Luigi Odorici e  Leonello Guidetti, vicedirettore Bpv-S. Geminiano e S. Prospero e responsabile della Direzione del Banco S. Geminiano e S. Prospero.

Un ulteriore impegno contenuto nel protocollo riguarda la possibilità di sospendere il pagamento delle rate del mutuo per la prima casa ai lavoratori in cassa integrazione straordinaria che ne facciano richiesta.

«La crisi economica sta aumentando in maniera significativa il ricorso delle aziende alla Cigs in tutti i settori produttivi – spiega il presidente della Provincia – ed è quindi necessario mettere in campo azioni straordinarie per evitare che centinaia di famiglie restino a lungo senza reddito. Questo primo accordo,che verrà proposto anche ad altre banche per ampliare le possibilità di intervento nei confronti dei lavoratori ed estendere la rete degli sportelli erogatori – aggiunge – integra gli interventi già previsti dal Protocollo anticrisi siglato nel febbraio scorso con le parti sociali e le associazioni economiche. Protocollo che indicava la necessità di coinvolgere il sistema creditizio per quanto riguarda il pagamento degli ammortizzatori sociali ma anche su interventi per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese. Anche su questo fronte – conclude il presidente della Provincia – stiamo definendo specifici accordi, in attuazione dell’accordo regionale siglato con banche, Confidi e Unioncamere».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
23/03/2009
Numero
318
Ora
12.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: lunedý 23 marzo 2009
data di modifica: martedý 24 marzo 2009