News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1289 del 11/12/2009

consiglio, ok a odg sulla confisca dei beni alle mafie

“il governo non permetta la vendita degli immobili”

«Il Governo ritiri l'emendamento alla Finanziaria 2010 che prevede la possibilità di vendere i beni immobili confiscati alle mafie che di fatto significa restituirli alle mafie stesse». È questa le richiesta contenuta nell'ordine del giorno approvato nei giorni scorsi dal Consiglio provinciale di Modena con il voto favorevole di Pd, Idv e Udc e quello contrario di Pdl e Lega nord. Il documento è stato presentato da Elena Gazzotti (Pd) che ha sottolineato come anche «l'agenzia unica prevista dal Governo si riduca a una semplice agenzia immobiliare e non sia destinata a gestire il transito verso il riutilizzo sociale dei beni. Non basta - ha concluso la consigliera - la motivazione che quei soldi finanzieranno la giustizia».

«Scelta scellerata». Così Sergio Pederzini (Idv) ha commentato la proposta di legge: «I malavitosi si ricompreranno i beni tramite prestanome. Si è sottovalutato il problema o non lo si è voluto considerare?». Per Denis Zavatti (Lega nord) l'ordine del giorno invece «è pretestuoso. Il lavoro del Governo contro la mafia è ineccepibile e questo emendamento prevede un diritto di prelazione nell'acquisto alle Forze armate e ai Comuni». Dello stesso parere anche Dante Mazzi (Pdl) per il quale «non ci sono sufficienti richieste rispetto a quanto confiscato. Attraverso la vendita si liberano risorse già offerte in prelazione e si accelera l'intervento degli enti locali». Bruno Rinaldi (Pdl) ha invitato la Sinistra «a non ritenere solo sua la lotta alla mafia. Non si può dubitare che questo provvedimento vada nella direzione della legalità». «Le differenze ci sono - ha replicato Luca Gozzoli (Pd) - perché solo noi abbiamo posto la questione: la lotta alla mafia è un valore sociale e non bastano arresti e carcere duro per sradicarla». Per Patrizia Cuzzani (Idv) dietro a questa proposta di legge «c'è lo sberleffo della mafia» e Fausto Cigni (Pd) ha ribadito che «le aste, come i condoni e come lo scudo fiscale sono un grande regalo alla mafia», mentre per Fabio Vicenzi (Udc) il problema «di gestire questi beni esiste: niente di male nella vendita ma bisogna studiare bene come gestirla. Il livello locale, più facilmente condizionabile va sostituito con un ente nazionale che garantisca il buon fine del procedimento». Monica Brunetti (Pd) ha commentato che «il sillogismo tra asta e ritorno ai mafiosi dei beni confiscati non lo facciamo noi ma i magistrati, a partire da Falcone e Borsellino, che di mafia si sono sempre occupati».

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
11/12/2009
Numero
1289
Ora
11,40
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 11 dicembre 2009
data di modifica: venerdý 11 dicembre 2009