News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa

Comunicato stampa N° 220 del 1/6/2017

La tutela degli argini contro le tane degli animali
I piani di controllo, nel 2016 abbattute 10 mila nutrie

Nel 2016 grazie ai piani di controllo a tutela degli argini dei fiumi e dei canali, nel territorio modenese sono state abbattute oltre dieci mila nutrie. L'attività è svolta da oltre 500 cacciatori abilitati coadiutori degli Atc, con il coordinamento della Polizia provinciale, sulla base del piano regionale di controllo. Dal 2013 sono state abbattute oltre 27.800 nutrie.

I dati sono stati illustrati mercoledì 31 maggio nel corso di un incontro tra tutti gli enti interessati che si è svolto nella sede della Provincia.

Le modalità dell'attività, infatti, sono stabilite con una convenzione per la gestione della nutria che coinvolge Provincia, 12 Comuni della pianura modenese, l'Unione dei Comuni dell'Area nord, i Consorzi di bonifica Burana e dell'Emilia centrale, le associazioni agricole e l'Aipo.

«In questo ultimo anno - ha sottolineato Fabio Leonelli, comandante della Polizia provinciale - abbiamo intensificato l'attività per contrastare in maniera più efficace la proliferazione  di questa specie.  Le nutrie sono dannose per gli argini anche perché distruggono in profondità la vegetazione contribuendo a rendere le rive meno stabili e più facilmente soggette a frane».

La nutria è classificata dal 2015 come specie nociva, alla pari di topi, ratti e talpe su cui è competente il Comune; tuttavia la Provincia, a supporto dei Comuni stessi, ha mantenuto il coordinamento degli interventi mettendo a disposizione le proprie competenze. Il costo complessivo delle operazioni, compresi  monitoraggio e controllo, è di circa 90 mila euro all'anno, suddivisi tra tutti gli enti; i piani di controllo di specie con "abitudini fossorie" (tassi, istrici , volpi e nutrie) lungo i fiumi principali avvengono con il parere positivo di Ispra e del ministero dell'Ambiente.

Oltre agli abbattimenti delle nutrie, le attività previste in questi piani hanno portato alla cattura e trasferimento di diversi esemplari di istrici e tassi, specie protette, e all'abbattimento di oltre 1.500 volpi in due anni.

La nutria è un roditore di grossa taglia (arriva a pesare anche oltre dieci chili) originario del Sudamerica e introdotto in Europa negli anni '20 per la produzione di pellicce (il cosiddetto castorino). Dopo la crisi di questa attività, la nutria, non essendo cacciata e in assenza di predatori naturali, ha iniziato a moltiplicarsi velocemente in tutta Europa. Nel modenese la nutria è arrivata intorno ai primi anni '80; i comuni  più interessati sono quelli dell'area nord.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
1/6/2017
Numero
220
Ora
18
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: ufficio stampa
data di creazione: giovedý 1 giugno 2017
data di modifica: lunedý 5 giugno 2017