News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2008

5 dicembre 2008

Mobilità e viabilità a Modena

Il 10 dicembre la Provincia promuove un convegno per illustrare i progetti di mobilità e viabilità nel territorio modenese. Si fa il punto sulle realizzazioni, sui cantieri aperti e sulle opere programmate, in un contesto di sicurezza e sostenibilità ambientale. Dal 2004 al 2008 investiti oltre 200 milioni di euro nella viabilità provinciale.

Immagine corrente
Mercoledì 10 dicembre alle 9 presso la Sala Grande del Centro Congressi Raffaello in strada Cognento 5 a Modena è in programma il convegno "Muoversi bene per vivere meglio". Si tratta di un incontro promosso dalla Provincia per illustrare le realizzazioni e i progetti di mobilità e viabilità nel territorio modenese, sul solco dell'iniziativa "Strada facendo" del 2005. Nell'occasione si parla tra l'altro dei 200 milioni di euro investiti negli ultimi 4 anni nella viabilità provinciale, delle principali realizzazioni come la variante di Finale Emilia e la Pedemontana, delle 30 rotatorie che migliorano la sicurezza negli incroci pericolosi, dell'impegno nel trasporto pubblico locale e nella realizzazione di piste ciclabili.
Intervengono al convegno Emilio Sabattini, Presidente della Provincia, Egidio Pagani, Assessore provinciale a Viabilità, Mobilità, Edilizia e Patrimonio, rappresentanti della Regione Emilia Romagna, di Anas, Autostrade per l’Italia, Autobrennero, Ferrovie dello Stato e vari esponenti del mondo economico modenese.

"Questo convegno - spiega Emilio Sabattini - vuole onorare l'impegno che abbiamo pubblicamente assunto quando, nel 2005, abbiamo presentato il programma dei lavori per potenziare e migliorare la dotazione infrastrutturale. Allora ci siamo assunti impegni precisi e verificabili, che adesso documentiamo. In alcuni casi, come per esempio la Pedemontana, ci siamo assunti il rischio di anticipare le spese per conto di Anas, pur di avviare i cantieri. E se da un lato c'è la soddisfazione per l'approvazione del progetto dell'autostrada Cispadana, dall'altro siamo consapevoli che c'è ancora molto da fare, a cominciare dalla Bretella Campogalliano-Sassuolo il cui iter non è ancora completato. Il convegno sarà anche l'occasione per richiamare tutti i soggetti al rispetto degli impegni assunti".

Gli interventi per il miglioramento della viabilità e della mobilità pubblica sono senza dubbio priorità assolute per l'Amministrazione provinciale, in un contesto di sicurezza e sostenibilità ambientale. Solo nella proposta del bilancio 2009 della Provincia, in corso di approvazione, sono stati destinati circa 30 milioni di euro a viabilità e mobilità, per finanziare opere quale la tangenziale di Nonantola e altri interventi. Nel triennio 2009-2011 l'investimento complessivo in questi settori sarà poi di 125 milioni di euro, destinati non solo alla realizzazione di nuove infrastrutture, ma anche alla manutenzione straordinaria, alla sicurezza stradale, alla mobilità dolce e al sostegno del trasporto pubblico locale.

In primo piano rimangono gli investimenti in infrastrutture moderne ed efficaci, per permettere alle persone di muoversi in modo rapido e sicuro e alle imprese di essere più competitive, con un miglioramento complessivo della qualità della vità per tutti e un forte incentivo allo sviluppo economico del territorio. Le associazioni di categoria e i cittadini del territorio modenese hanno da sempre posto la mobilità delle persone e delle merci ai primissimi posti delle loro esigenze. Fondamentale risulta quindi il coordinamento dei vari Enti chiamati a intervenire a riguardo e il convegno organizzato dalla Provincia intende proprio fare il punto non solo sulle opere realizzate, sui cantieri aperti e sui progetti in programma per la mobilità e la viabilità nel territorio modenese, ma anche sulle sinergie messe in campo dai vari soggetti, con la partecipazione di tutti gli interlocutori interessati: da una parte coloro che si occupano della realizzazione delle infrastrutture, dall'altra gli attori del mondo economico ed imprenditoriale.

Coerentemente con questi presupposti, il programma del convegno si articola in due sessioni. Nella prima vengono illustrati i progetti già realizzati, quelli in corso e futuri, con gli interventi di Egidio Pagani, di Alessandro Manni (Direttore Area Lavori Pubblici della Provincia), di Alfredo Peri (Assessore Mobilità e Trasporti Regione Emilia-Romagna), Lelio Russo (ANAS Emilia-Romagna), Mario Bergamo (Autostrade per l’Italia SpA), Carlo Costa (Autobrennero SpA) e Orazio Iacono (Gruppo FS). Presiede questa prima parte della seduta Maurizio Maletti (Vice Presidente della Provincia). Nella seconda sessione intevengono invece i rappresentanti del mondo economico modenese, i presidenti di vari organismi e associazioni di categoria, tra cui Pietro Ferrari (Confindustria Modena), Alfonso Panzani (Confindustria Ceramica), Dino Piacentini (APMI di Modena), Maurizio Torreggiani (Camera di Commercio di Modena), Erio Luigi Munari (Lapam-Federimpresa di Modena) e Luigi Mai (CNA di Modena). Presiede questa seconda parte dei lavori Emilio Sabattini.

Ed ecco i dati di sintesi che forniscono un'idea sull'impegno svolto dall'Amministrazione provinciale e dagli altri enti negli ultimi anni per migliorare la mobilità di persone e merci nel territorio modenese.

Dal 2004 al 2008 sono stati investiti oltre 200 milioni di euro sulla viabilità provinciale. Sono stati ultimati lavori per oltre 55 milioni di euro, mentre 62 milioni sono impegnati per opere in corso di realizzazione e 81 milioni (130 considerando anche i cantieri Anas) per interventi già in fase esecutiva con cantieri che aprono nei prossimi mesi. La Provincia di Modena ha utilizzato risorse proprie (una trentina di milioni), finanziamenti ottenuti dalla Regione e dal Governo o da trasferimento di opere in passato di competenza Anas. Altri enti come i comuni hanno contribuito alle spese. All'elenco vanno aggiunti anche 64 milioni di investimenti già programmati e che partono nei prossimi mesi.

Tra le opere ultimate spiccano la variante di Finale Emilia e l'ammodernamento della Pedemontana tra Sassuolo, Fiorano e Maranello con l'eliminazione di tutti i semafori. E' in via di conclusione anche il prolungamento della Pedemontana da Maranello a Solignano, da Ergastolo a S.Eusebio, i cui lavori sono tuttora in corso, e da Ergastolo a Bazzano, con inaugurazione prevista prima delle feste natalizie. Per completare la Pedemontana da Sassuolo a Bazzano l’impegno è di realizzare nei prossimi anni lo stralcio mancante che va da Solignano a Sant’Eusebio.
Realizzati anche il nuovo ponte sul Panaro a Marano, il nuovo ponte sul Guerro e la variante di Rio Secco a Spilamberto, l'ammodernamento della SP 1 a Ravarino. La Provincia ha partecipato finanziariamente anche alla realizzazione della tangenziale nord di Carpi, del nuovo svincolo con la Nonantolana sulla tangenziale di Modena, della variante di Zocca e di quella di Cavezzo, della variante di Vaina a Montese, del collegamento Strettara-Montecreto, del collegamento Caldana-Grovaieda a Montefiorino.
In montagna spiccano anche la realizzazione delle varianti di S.Giacomo a Montese e di Lama di Monchio a Palagano, l'ammodernamento della SP 32 tra Montefiorino e Frassinoro e il nuovo ponte sul Dardagna a Fanano.
Tra i lavori in corso in primo piano l'ammodernamento della Vignolese, il viadotto di Valoria a Frassinoro per risolvere il problema dei movimenti franosi che periodicamente interrompono la Fondovalle Dolo, il nuovo ponte di Talbignano a Polinago.
Per l'immediato futuro il piano degli interventi programmati dalla Provincia prevede l'avvio dei lavori della tangenziale di Nonantola, opera da 43 milioni di euro ereditata dall'Anas, le varianti di Camposanto, Spilamberto, Marano, Medolla e Sorbara, l'ammodernamento della Romana nord tra Carpi e Novi, il collegamento Malandrone-Pratolino a Pavullo.

Grande risalto anche alle opere che migliorano la sicurezza stradale. In primo luogo sono state realizzate 30 nuove rotatorie in prossimità di altrettanti incroci pericolosi. "Abbiamo verificato che le rotatorie - spiega Egidio Pagani - eliminano quasi completamente gli incidenti in un incrocio rispetto ai semafori. Nonostante il calo significativo registrato negli ultimi anni (dalle 104 vittime del 2003 alle 77 dell'anno scorso), sulle nostre strade tuttavia ci sono ancora troppi incidenti con morti e feriti. Si tratta di una vera emergenza che stiamo affrontando con attività di prevenzione, di educazione stradale e con uno sforzo straordinario di ammodernamento e adeguamento delle nostre strade". Tra le rotatorie più importanti vi sono ad esempio quella della Cappelletta del Duca all'incrocio tra la sp 5 e la strada statale 12 aperta in questi giorni, quella di S.Pancrazio all'incrocio tra la Romana sud e la provinciale per Campogalliano, quelle al termine della superstrada Modena-Fiorano e tra la Pedemontana e la via Radici in piano a Sassuolo, la rotatoria ad Appalto di Soliera sulla Romana sud, sulla tangenziale di Modena all'incrocio con la Vignolese, a Rivara di S.Felice e a Colombaro sulla Nuova Estense.
Tra gli altri interventi per la sicurezza vi sono l'ammodernamento e allargamento di lunghi tratti delle strade provinciali, un piano per l'adeguamento di guardrail lungo i tratti più pericolosi, la sperimentazione di barriere antiurto a tutela dei motociclisti, l'introduzione dei dissuasori di velocità elettronici e l'utilizzo di asfalti speciali che migliorano l'aderenza riducendo gli spazi di frenata e l'effetto acquaplannig.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, la Provincia è impegnata con ATCM nella gara per la ricerca di un partner privato. E' stato predisposto inoltre un piano di investimenti per circa 20 milioni. I viaggiatori che utilizzano ATCM sono passati da 13 milioni del 2006 ai 14 milioni stimati per la fine del 2008, mentre dallo scorso settembre è stata potenziata la linea ferroviaria Modena - Sassuolo che ha registrato nel mese di novembre un aumento dei passeggeri del 10 per cento rispetto all'anno precedente con 2.300 utenti al giorno.
A livello del sistema dei trasporti pubblici è poi da ricordare che domenica 14 dicembre entra in funzione la linea TAV Milano-Bologna, e che si creano così le condizioni per implementare ulteriori servizi ferroviari regionali anche nel bacino modenese.

Per la mobilità alternativa, è confermato l'impegno della Provincia nella realizazione di una rete capillare di piste ciclabili su tutto il territorio modenese.
In questi ultimi anni la Provincia ha investito quasi 4,5 milioni di euro per realizzare la ciclabile Modena-Vignola, i tratti Modena-Bastiglia, Medolla-San Felice e la ciclabile San Felice-Finale Emilia. Completati anche i due Percorsi Natura del Secchia e del Panaro.
Nel piano degli investimenti del bilancio provinciale 2009 vi è la realizzazione della pista ciclabile Modena-Castelfranco (2 milioni di euro, mentre tra i progetti previsti in futuro figurano il tratto Bastiglia-Medolla che completa la ciclabile Modena-Mirandola seguendo il tracciato dell'ex ferrovia, il Percorso Natura del Tiepido e un tratto di ciclabile lungo la provinciale 19 lungo l'asse viario da Sassuolo a S.Michele dei Mucchietti.

Segreteria organizzativa del convegno:
tel. 059.209658 / 059.209627
email stradafacendo@provincia.modena.it

Documentazione allegata

Allegati

Il programma del convegno "Muoversi bene per vivere meglio"
data dell'ultimo aggiornamento: venerdý 5 dicembre 2008
strada-facendo.pdf (88Kb)
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e Web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: venerdý 5 dicembre 2008
data di modifica: martedý 9 dicembre 2008