News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2008

21 novembre 2008

La premiazione degli studenti eccellenti del Fermi

Venerdì 28 novembre all'Istituto Fermi di Modena si premiano gli studenti che hanno vinto premi in varie competizioni regionali, nazionali e internazionali, nelle materie di chimica ed elettronica. La vita dell'Istituto prosegue nel solco della tradizione, anche dopo la statalizzazione e la scomparsa del preside Maurizio Boni.

Immagine corrente
Gli ultimi due anni sono stati per l'Istituto Fermi molto intensi e pieni di accadimenti molto importanti: nel 2007 c'è stata l'imponente celebrazione dei 50 anni dalla fondazione della scuola, poi è avvenuto il passaggio di proprietà dalla Provincia allo stato a partire proprio dall'anno scolastico 2008/2009, fino alla recente scomparsa del Preside Maurizio Boni nel mese di ottobre.

Ma la storia di questa scuola procede tutt'ora nel solco della tradizione: da cinquanta anni l'Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena continua a preparare giovani diplomati in chimica, elettronica e telecomunicazioni che forniscono un contributo determinante allo sviluppo dell'apparato produttivo e della società civile dell'intera provincia modenese. I ragazzi dell'Istituto Fermi partecipano poi da diversi anni a varie competizioni nazionali e internazionali e hanno ottenuto ottimi risultati in varie discipline.

Per celebrare questa continuità col passato, nonostante i recenti accadimenti e cambiamenti, si è così deciso di organizzare una giornata speciale, venerdì 28 novembre, per premiare gli studenti dello stesso Istituto che hanno raggiunto l'eccellenza nelle discipline tecnico-scientifiche, alla presenza delle autorità politiche e di rappresentanti del mondo dell'impresa.

Tra gli obiettivi dell'iniziativa vi sono l'attivazione di un sistema di premi da implementare anche in futuro, per motivare e incoraggiare gli studenti, la spinta verso l'acquisizione da parte degli stessi ragazzi di una maggiore consapevolezza sulle proprie propensioni e attitudini, e poi anche la creazione di ulteriori canali di collegamento col mondo del lavoro.

Il programma della giornata del 28 novembre inizia alle 11 nell'Aula Magna dell'Istituto (in via Luosi 23 a Modena) con l'intervento di Gino Malaguti, dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale, a cui segue la presentazione di Silvia Facchini, Assessore provinciale alla Scuola, che parla dei 50 anni di esperienze del Fermi nella preparazione dei giovani periti in chimica ed elettronica. Tra gli altri intervengono quindi Maria Cristina Zanti, attuale dirigente scolastico dell'Istituto succeduta a Maurizio Boni, e successivamente Ilario Benetti di Confindustria Modena, che parla del rapporto tra la scuola e il mondo del lavoro. Dalle 12 alle 12.45 è prevista la parte più attesa della manifestazione, ovvero la premiazione degli studenti del Fermi vincitori delle Olimpiadi della Chimica, a livello regionale, nazionale e internazionale, e poi ancora i vincitori del premio "E. Torricelli" e del premio Confindustria Regionale "Giovani Imprenditori".

Il Fermi è stato fondato dall'Amministrazione Provinciale nel 1957 per opera di Rubes Triva, assessore alla Cultura e vice presidente della Provincia dell'epoca. A questo personaggio chiave della storia dell'istituto è intitolata la stessa Aula Magna. La scuola è nata agli albori del boom economico esploso negli anni '60 e, venendo incontro alla domanda di tecnici da parte delle industrie modenesi, ha offerto fin da subito agli studenti le specializzazioni in chimica ed elettronica, con laboratori all'avanguardia e insegnanti professionisti prestati dalle imprese. Scuola non statale parificata, l'Istituto Fermi si è sempre caratterizzato per l'alta qualità dell'istruzione, degli insegnanti e degli studenti. Storicamente il Fermi è stata anche una scuola all'avanguardia sotto il profilo socio-culturale: ad esempio è risultato il primo istituto tecnico che ha ammesso le ragazze, da qui è uscita infatti nel 1963 la prima diplomata italiana in elettronica. Nella storia più recente, a gennaio 2008 il Consiglio provinciale ha poi approvato la convenzione che ha regolato il passaggio di proprietà allo stato, avvenuta ufficialmente il primo settembre di questo stesso anno.

Dal Fermi sono uscite schiere di professionisti. Ci sono anche diversi allievi che hanno ottenuto successi in campi non proprio attinenti alla chimica o all’elettronica, come i cantanti e musicisti Gaetano Curreri degli Stadio e Vinicio Capossela. Numerosi sono anche i sindaci, gli amministratori e i funzionari pubblici che hanno studiato o insegnato presso l'Istituto. Tra gli insegnanti si ricorda ad esempio Maria Teresa Granati, divenuta poi assessore provinciale e parlamentare per tre legislature.

Importante anche il rapporto intessuto col mondo del lavoro: ad esempio, la figura professionale del chimico è molto ricercata dalle industrie locali, in particolare da quelle del settore ceramico, e negli anni scorsi la stessa Confindustria modenese ha siglato una convenzione con l'Istituto Fermi, con lo scopo di adeguare i percorsi formativi dell’istituto anche alle reali esigenze del mondo produttivo. Grazie a questa convenzione è stato realizzato all'interno della scuola un laboratorio specificatamente attrezzato per sperimentazioni legate al materiale ceramico, in alcuni dei corsi vengono implementati moduli e argomenti che consentono agli studenti di approfondire il mondo ceramico, sono stati promossi stage estivi presso le aziende del settore.
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e Web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: venerdý 21 novembre 2008
data di modifica: venerdý 21 novembre 2008