News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1494 del 22/11/2008

delegazione dello sri lanka in visita a modena

per un progetto di ricostruzione post-tsunami

Una delegazione della Municipalità di Kalmunai, cittadina sulla costa est dello Sri Lanka devastata dallo tsunami del dicembre 2004, è a Modena in questi giorni per una serie di visite e incontri funzionali alla realizzazione del progetto di ricostruzione di cui la Provincia di Modena è capofila.  Cofinanziato dalla Commissione Europea, il progetto - che ha un costo complessivo di 800 mila euro - prevede la ricostruzione di 58 abitazioni, con un'attenzione particolare all'esigenza di ridurre l'impatto delle principali fonti di inquinamento rappresentate da acque di scarico e rifiuti.

Verranno quindi realizzate fosse settiche e impianti di fitodepurazione e un centro di smistamento dei rifiuti, promuovendo nel contempo la produzione di compostaggio come attività in grado di generare reddito. Nell'area costiera sono poi previste attività di piantumazione di piante e arbusti, mentre nei terreni adiacenti le case verranno realizzati piccoli orti. Il progetto prevede inoltre la realizzazione di due centri per attività di formazione rivolte alla popolazione femminile.

Soggetto realizzatore è Overseas, la onlus di Spilamberto già impegnata in interventi di ricostruzione in Sri Lanka.

«Si tratta di un grande progetto di solidarietà – spiega il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini – che ha l’obiettivo di offrire nuove opportunità a una comunità duramente colpita dallo tsunami, con un’attenzione particolare alle fasce più deboli della popolazione e alla sostenibilità ambientale».

Durante la visita a Modena la delegazione dello Sri Lanka – composta dal sindaco e dal responsabile del Settore tecnico della Municipalità di Kalmunai, dal commissario municipale e dal direttore dell’ong Sevanatha Urban Resource Centre – ha in programma visite a centri di recupero, trattamento e riciclo dei rifiuti e impianti di fitodeputazione, a un percorso natura e un’area di riforestazione. Previsti inoltre incontri con Agenda 21 sulla partecipazione dei cittadini ai temi della pianificazione territoriale.

A Kalmunai persero la vita in seguito all’onda anomala circa 5.000 persone (oltre 230 mila le vittime nell’area dell’Oceano Indiano) e vennero distrutte o gravemente danneggiate 13.400 case su un totale di 15.100.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
22/11/2008
Numero
1494
Ora
11.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 22 novembre 2008
data di modifica: sabato 22 novembre 2008