News

Comunicati Stampa

Salta il menù di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 156 del 08/02/2008

“l’europa chiama, modena risponde” \ 2 – scheda

innovazione, cultura e solidarietà con i fondi ue

Dalla valorizzazione dei siti archeologici agli interventi di riqualificazione urbana e commerciale, dalla digitalizzazione dei Comuni delle aree montane alla ricostruzione nelle zone dello Sri Lanka devastate dallo tsunami. Grazie alla capacità progettuale sviluppata negli anni dalle proprie strutture – l’Ufficio Politiche comunitarie della Provincia di Modena, il Progetto Europa e Europe Direct - Info Point Europa del Comune di Modena – i due enti locali hanno attivato con finanziamenti comunitari numerosi e significativi progetti. Come Archeo Live, sviluppato dal Comune di Modena insieme a partner austriaci e tedeschi e finalizzato alla conservazione di beni culturali d’importanza europea, che ha consentito di ricostruire nel parco archeologico di Montale Rangone ambienti, prodotti artigianali e abitazioni di epoca protostorica. Oppure il progetto Care, per la conciliazione della vita lavorativa e famigliare dei genitori lavoratori, grazie al quale i partner (Italia, Spagna, Belgio  e Grecia) hanno elaborato linee guida per gli enti pubblici sui servizi di cura di bambini e anziani. Attraverso Urbe Viva – interventi di riqualificazione urbana e commerciale per contrastare il declino dei centri storici – il Comune di Modena ha diffuso a livello internazionale l’esperienza avviata nelle aree Pomposa e Porta Saragozza.

Tra le iniziative portate avanti dalla Provincia, il progetto Mo.Di. (montagna digitale) che attraverso il ricorso a strumenti tecnologici innovativi ha contribuito a ridurre gli handicap legati alle situazioni di isolamento dei luoghi di montagna; Outstep, finalizzato alla rivitalizzazione culturale di monumenti storici mediante l’interazione fra ricerca storica e produzione artistica contemporanea. Tuttora in corso, poi, l’intervento di ricostruzione a Kalmunai, città dello Sri Lanka devastata dallo tsunami. Il progetto – per il quale la Provincia ha avuto un finanziamento di 750 mila euro - intende migliorare le condizioni socio-economiche e ambientali degli abitanti, attraverso la costruzione di edifici, la gestione delle acque reflue e dei rifiuti, il sostegno al ruolo della donna e la promozione di strategie di sviluppo su base comunitaria.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
08/02/2008
Numero
156
Ora
12.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
Proprietà dell'articolo
data di creazione: venerdì 8 febbraio 2008
data di modifica: venerdì 8 febbraio 2008