News

Comunicati Stampa

Salta il menù di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2008 · Associazionismo

Comunicato stampa N° 1390 del 30/10/2008

pubbliche assistenze \ 1 – un “esercito” di volontari

per garantire il trasporto di malati e disabili

Quattromila volontari che operano quotidianamente nei servizi di trasporto di malati, anziani e disabili; settemila soci contribuenti che sostengono economicamente, attraverso le quote sociali, le 31 associazioni attive sul territorio; 70 ragazzi e ragazze in servizio civile volontario; una dotazione di 217 automezzi attrezzati.

Sono i numeri che fotografano l’attività delle associazioni modenesi di Pubblica Assistenza aderenti all’Anpas, quelle cioè che si occupano di trasporto socio-sanitario in convenzione con gli enti locali e con le aziende sanitarie (comunicato n. 1391). «Una realtà importante, non solo dal punto di vista quantitativo ma anche per la qualità del servizio erogato– spiega il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini – Sono un elemento fondamentale a supporto delle istituzioni pubbliche nel fornire servizi alle persone in difficoltà. Sappiamo bene che queste associazioni operano in un quadro sempre più complesso, a fronte di una domanda di servizi in continua crescita, costi che aumentano e risorse finanziarie da parte del servizio sanitario che tendono a ridursi. Per questa ragione – aggiunge Sabattini – abbiamo avviato con loro un confronto che consenta di analizzare i problemi, per fornire al mondo del volontariato un quadro di certezze».

Delle 31 associazioni che svolgono sul territorio provinciale servizi di trasporto socio-sanitario, 16 operano nell’area montana, 7 nell’area centrale e 8 nell’area nord. Dodici associazioni si avvalgono di dipendenti e collaboratori, che sono complessivamente 37 di cui 22 a tempo pieno e 15 part-time e sono impiegati in particolare in funzioni amministrative, organizzative e di coordinamento. «Come si evince da questi numeri, il servizio è retto soprattutto dal lavoro di migliaia di volontari, il cui lavoro non sempre ha il riconoscimento dovuto – osserva l’assessore provinciale alle Politiche sociali, Maurizio Guaitoli – e proprio per questo merita la massima attenzione da parte delle istituzioni pubbliche».

Nell’illustrare i dati relativi all’attività delle associazioni (comunicato n. 1392) Franco Boldini e Enrico Scannavini, del Coordinamento provinciale delle Pubbliche assistenze, sottolineano che «le associazioni di Pubblica Assistenza sono nate con lo scopo di dare risposte a bisogni delle proprie comunità,  alle quali sono rivolte la maggior parte delle risposte, e dalle comunità e dai cittadini ricevono  l’indispensabile sostegno e disponibilità di tempo e di risorse, comunque non sufficiente a garantire l’aumento dei bisogni. Le pubbliche assistenze modenesi ricoprono quindi quel ruolo proprio delle associazioni di volontariato di rappresentare questi bisogni alle istituzioni e, attraverso il confronto e il dialogo, cercare le soluzioni che possano rimuovere gli ostacoli che limitano la libertà e l'eguaglianza dei cittadini. Le risorse derivanti dalle attività – concludono - vengono reinvestite sul territorio provinciale  in dotazioni sanitarie e attraverso l’attivazione di servizi innovativi ed in risposta alle nuove esigenze del territorio».

Grande importanza, infine, riveste l’attività di formazione che dal 2000, in seguito a una convenzione tra l’Azienda Usl e le Pubbliche Assistenze, è coordinata da un’apposita segreteria provinciale per la formazione che promuove i corsi per abilitare i volontari a svolgere servizio di emergenza-urgenza sulle ambulanze. «La collaborazione costante tra Pubbliche Assistenze, aziende sanitarie, Modena Soccorso e segreteria provinciale per la formazione – spiega Federico Gubertini del Coordinamento provinciale – hanno consentito alle associazioni di raggiungere livelli formativi molto importanti e omogenei che assicurano ai cittadini delle nostre comunità interventi sempre più qualificati». Ogni anno attraverso 6 sessioni di corsi su tutto il territorio provinciale vengono formati oltre 400 volontari.

 

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
30/10/2008
Numero
1390
Ora
12.00
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
Proprietà dell'articolo
data di creazione: giovedì 30 ottobre 2008
data di modifica: giovedì 30 ottobre 2008