News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2007

28 novembre 2007

Bilancio 2008 della Provincia

La Giunta provinciale presenta le scelte strategiche per il Bilancio 2008. Entrate in diminuzione e tagli alla spesa. Forte impegno finanziario per il rilancio del trasporto pubblico e per l’edilizia scolastica. Viabilità, ambiente ed economia, confermato l’impegno della Provincia.

Immagine corrente

Rilancio del trasporto pubblico locale, Piano triennale dell’edilizia scolastica, qualificazione della viabilità provinciale, razionalizzazione delle sedi e delle funzioni. Sono le scelte strategiche indicate dalla giunta della Provincia di Modena per la proposta di Bilancio 2008, illustrata al Consiglio provinciale martedì 27 novembre dall’assessore Stefano Vaccari. La manovra finanziaria, che sarà discussa e votata nella seduta consiliare del 20 dicembre, è complessivamente di 180 milioni di euro, con  un Piano degli investimenti  che prevede 70 milioni di euro di interventi nel 2008.
«Nonostante il difficile quadro finanziario, che vede un’ulteriore riduzione delle risorse complessive a disposizione – spiega il presidente della Provincia, Emilio Sabattini - si riconfermano le scelte strategiche che hanno rappresentato il filo conduttore dell’operato di questa giunta: edilizia scolastica, infrastrutture, sostegno all’economia e all’innovazione, promozione del territorio. A queste priorità si aggiunge quest’anno un’ulteriore linea di intervento a supporto del trasporto pubblico locale, che si attuerà attraverso l’aumento del contributo di gestione all’Agenzia per la mobilità e la costituzione di un Fondo per finanziare investimenti infrastrutturali di sostegno alla mobilità». Al Fondo la Provincia contribuirà con un milione di euro per i prossimi tre anni.
«Puntare sul rafforzamento del trasporto pubblico – sottolinea Sabattini – significa non solo creare un’opportunità di sviluppo per Atcm, ma anche intervenire sulla sofferenza in campo ambientale, valorizzando la mobilità sostenibile».
Proprio per far fronte alle nuove esigenze, in particolare del trasporto pubblico, la proposta di Bilancio per il 2008 prevede una rimodulazione delle entrate, in calo nel 2007, attraverso il ritocco dell’aliquota Ipt, l’imposta sulle trascrizioni auto che passerà dal 20 al 30 per cento.
Al netto dell’aumento Ipt, il gettito delle entrate tributarie proprie rimane sostanzialmente invariato: 63 milioni di euro, +0,7 per cento rispetto al 2007. In calo i trasferimenti sia per quanto riguarda i fondi europei (4,3 milioni di euro in meno, con una riduzione del 12,5 per cento) sia le entrate dalla Regione per la gestione delle funzioni trasferite, con una riduzione di 380 mila euro, pari al  6,6 per cento in meno.
Passando alla spesa, quella corrente – che ammonta a 85,4 milioni di euro – diminuisce di 3,1 milioni di euro (- 3,6 per centro) grazie al contenimento dei costi del personale (l’incremento del 2 per cento è collegato ai soli oneri contrattuali  e alla prevista stabilizzazione dei precari) alla riduzione delle spese di gestione (-1,1 per cento) e al calo delle spese a destinazione vincolata. La spesa di sviluppo degli assessorati (complessivamente 9,1 milioni di euro) si riduce del 5,5 per cento con un risparmio di 533 mila euro, mentre la spesa per il rimborso dei prestiti è di 11,8 milioni (+ 7,3 per cento).

Si mantengono elevate nel triennio 2008-2010 le spese di investimento (230 milioni di euro), destinate a finanziare interventi infrastrutturali  sulla rete viaria provinciale, per l’edilizia scolastica, l’ambiente, l’area economica e la promozione del territorio.
«E’ un bilancio rigoroso, che non rinuncia a investire sulle priorità del territorio pur in uno scenario finanziario non certo roseo – commenta l’assessore Stefano Vaccari – e per questo impegna tutti noi, amministratori e personale, a uno sforzo straordinario verso una profonda e ulteriore razionalizzazione dei servizi e delle risorse. Abbiamo impostato una manovra che, attraverso un’ulteriore qualificazione della spesa per investimenti e contenimento di quella corrente, crea i presupposti per il rispetto del patto di stabilità».

ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e web
fonte: Ufficio stampa
data di creazione: mercoledý 28 novembre 2007
data di modifica: mercoledý 28 novembre 2007