News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2006

14 dicembre 2006

Nuove farmacie nel territorio modenese

Con l'apertura giovedì 14 dicembre della farmacia nella frazione La Grande del Comune di Nonantola procede l'attivazione dei nuovi esercizi farmaceutici previsti dalla Pianta Organica delle Farmacie della Provincia di Modena.

Immagine corrente
Giovedì 14 dicembre nella frazione La Grande di Nonantola apre una nuova farmacia, la prima delle quattro nuove sedi istituite attraverso l'ultima revisione della Pianta organica varata dalla Provincia di Modena per il biennio 2005-2006. La nuova farmacia è ubicata in via Redipuglia 2 ed è stata assegnata a Maria Angela Valenti, seconda classificata al concorso al quale avevano partecipato oltre 430 candidati.

Le altre sedi che erano state messe a concorso sono tutte rurali (situate in frazioni con popolazione inferiore a 5000 abitanti) e interessano le località di Mortizzuolo (Mirandola), Gargallo (Carpi) e Sant’Antonio in Mercadello di Novi. La farmacia di Mortizzuolo è già stata assegnata e l’apertura è prevista entro primavera 2007. Le farmacie di Gargallo e di S.Antonio in Mercadello sono invece in fase di assegnazione. Tutte queste nuove sedi sono destinate al privato esercizio avendo i Comuni rinunciato ad esercitare il loro diritto di prelazione.

In materia di farmacie la Provincia di Modena ha assunto e poi attivato competenze amministrative in delega dalla Regione Emilia Romagna tra il 1999 e il 2000. Tra queste competenze in primo luogo vi sono proprio sia la formazione e la revisione biennale della Pianta organica delle farmacie sia l'indizione e lo svolgimento dei concorsi per l’assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio. La Provincia ha compiuto già tre revisioni della Pianta organica (nel 2000, 2002 e 2004) istituendo complessivamente dieci nuove sedi farmaceutiche (oltre alle 4 gia' citate anche a Castelnuovo Rangone, Sant’Anna di San Cesario, Magazzino di Savignano, Formigine, Gorzano di Maranello e Levizzano Rangone di Castelvetro) e approvando due decentramenti. E’ attualmente in corso di preparazione il quarto procedimento di revisione della pianta organica delle farmacie per il biennio 2007 - 2008.

La Pianta organica delle farmacie è la mappa delle sedi farmaceutiche sul territorio, comune per comune. Nell'elenco contenuto nella Pianta organica devono essere esplicitati alcuni dati, tra cui l'entità della popolazione comunale e il numero di sedi farmaceutiche esistenti, la denominazione, il numero identificativo di ciascuna sede farmaceutica e la corrispondente ubicazione sul territorio comunale, la tipologia della sede (se urbana o rurale), la tipologia di gestione (pubblica o privata), i dati del soggetto titolare della gestione, i confini delimitanti la competenza territoriale.

La revisione biennale della Pianta organica verifica la dislocazione delle farmacie sul territorio rispetto alle esigenze della popolazione allo scopo di realizzare un efficace sistema di distribuzione dei farmaci.
Il criterio che regola l'individuazione del numero delle autorizzazioni e la eventuale necessità di creare nuove sedi si basa sul rapporto tra popolazione e numero di sedi farmaceutiche: deve esserci una farmacia ogni 5.000 abitanti nei Comuni con popolazione fino a 12.500 abitanti e una farmacia ogni 4.000 abitanti negli altri Comuni.
Nei comuni fino a 12.500 abitanti questo principio può essere derogato per farmacie di nuova istituzione che distino almeno 3 km dalle farmacie esistenti, col limite di 1 farmacia per ogni piccolo comune.
Le farmacie possono poi essere trasferite in diverse zone in funzione degli spostamenti della popolazione in nuovi insediamenti abitativi, rimanendo immutato il principio del numero di sedi in rapporto alla popolazione.
Il procedimento di revisione si conclude con l’approvazione della Pianta organica da parte del Consiglio provinciale.

Sottolinea Maurizio Guaitoli, Assessore provinciale alla Sanità che "Le farmacie, pubbliche e private, sono un servizio essenziale non solo per la distribuzione dei farmaci, ma anche per i servizi di consulenza, informazione e formazione dei cittadini nel campo della salute. Nel ricordare l’alto livello di professionalità dei farmacisti della nostra provincia – aggiunge l’assessore Guaitoli – va riconosciuto loro il merito di partecipare gratuitamente ad attività di sensibilizzazione dei cittadini nell’ambito dell’adozione di corretti stili di vita, fondamentali per la prevenzione di molte patologie di largo impatto sociale".
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e Web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: giovedý 14 dicembre 2006
data di modifica: venerdý 15 dicembre 2006