News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News · News 2006

21 dicembre 2006

Il Consiglio provinciale approva il bilancio 2007

Manovra da 195 milioni, non sale la pressione fiscale

Con il voto a favore della maggioranza di centro sinistra e quello contrario dell’opposizione, il Consiglio provinciale di Modena ha approvato il bilancio preventivo dell’ente che è complessivamente di 195 milioni di euro con un Piano degli investimenti che prevede 87 milioni di euro di interventi nel 2007 (18 milioni dei quali finanziati con mutui e Bop), 300 milioni nel triennio.

Le entrate tributarie ammontano complessivamente a 62,5 milioni di euro, pur mantenendo inalterata la pressione fiscale. La spesa corrente ammonta a 88,5 milioni di euro, con una diminuzione di 4,6 milioni di euro (-4,9 per cento) grazie al contenimento dei costi per il personale (l’incremento dell’1 per cento è collegato ai soli oneri contrattuali), alla riduzione dei contributi erogati a vario titolo dall’ente e al raffreddamento delle spese di funzionamento, ma anche in conseguenza dei minori trasferimenti regionali.
Approvati all’unanimità dal Consiglio due ordini del giorno proposti da Forza Italia ed emendati su proposta del centro sinistra, che destinano le maggiori eventuali entrate tributarie alle politiche giovanili, in particolare a formazione, sviluppo economico e sicurezza stradale, e a contrastare il fenomeno della contraffazione dei tagliandi Rc auto.
 
«Di fronte ai sacrifici cui l’intero Paese deve far fronte per recuperare la difficile eredità lasciata dal governo precedente – spiega il presidente della Provincia Emilio Sabattini – abbiamo impostato una manovra che nonostante le difficoltà riesce a salvaguardare e supportare con adeguati livelli di investimento le attività istituzionali della Provincia: dalla viabilità alla scuola, dall’ambiente all’economia, confermando anche le scelte strategiche per la promozione del territorio  e l’innovazione, con il finanziamento di un ulteriore milione di euro al Fondo provinciale. Abbiamo scelto di non aumentare la pressione tributaria, lasciando invariata l’Imposta provinciale di trascrizione. Per far questo abbiamo lavorato sulla spesa, qualificandola ulteriormente». 
 
«E’ un bilancio fortemente rimodulato – spiega l’assessore al Bilancio Stefano Vaccari – con il quale vogliamo anche ridefinire il ruolo, la ‘mission’ della Provincia e la sua organizzazione interna. Abbiamo impostato un bilancio di previsione solido, che si pone l’obiettivo di rispettare il patto di stabilità interno e dare risposte concrete ai bisogni del territorio. Per la prima volta infine si è avviata la sperimentazione del “bilancio di genere” come azione politica e di programmazione trasversale dell’ente».
 
Per Dante Mazzi (Forza Italia) «siamo di fronte a un bilancio caratterizzato da  tagli e da imposte mantenute al massimo, una scelta che penalizza soprattutto i giovani. Calano anche gli investimenti. Con manovre come questa si penalizzano le famiglie gelando la ripresa economica avviata dal precedente governo Berlusconi». Cesare Falzoni (An) ha definito il bilancio «una fotocopia di quelli precedenti senza alcun segnale di innovazione. La pressione fiscale rimane ai massimi livelli con una previsione di investimento concentrata sul 2009, guarda caso anno elettorale. Inoltre si continua a privilegiare il trasporto su gomma trascurando i gravi problemi ambientali della nostra provincia».
Giorgio Barbieri (Lega Nord) ha criticato la Provincia «che dice di non applicare nuove imposte, ma poi penalizza l’economia con tagli sugli interventi a favore di artigianato, commercio e anche per l’agricoltura che sta soffrendo per mancanza di sbocchi commerciali e competitività».
Tomaso Tagliani (Udc) ha denunciato i ritardi delle Provincia sulla viabilità in montagna: «Dopo anni di parole, non abbiamo ancora alcun progetto per la variante di Pavullo: è un’opera indispensabile per lo sviluppo, soprattutto per il turismo invernale».
Per Walter Telleri (Verdi) la risposta all’aumento del traffico non è fare nuove strade e «il bilancio prevede “troppe” risorse per la viabilità rispetto a quelle destinate allo sviluppo sostenibile». Telleri, inoltre, ha richiamato l’attenzione sulla crisi dell’Area Nord e sul dibattito su deposito di gas perché «questa zona rischia di diventare la pattumiera della provincia».
Giandomenico Tomei (Margherita) ha dato un giudizio positivo sulla manovra «costruita con la partecipazione dei Comuni e degli organismi di rappresentanza del mondo economico e sociale, senza aumenti della pressione fiscale e con una scelta decisa sugli investimenti». Per Tomei si tratta di «un bilancio di svolta che vede la Provincia impegnata nel riordino degli enti oggi presenti sul territorio, in particolare in montagna».
Per Aldo Imperiale (Prc) la Provincia «conferma l’attenzione sulla viabilità e la scuola senza introdurre nuove tasse e senza penalizzare eccessivamente la spesa corrente. Occorre pero investire di più sulla mobilità alternativa alla gomma. E’ positivo il segnale lanciato sulla riduzione del precariato  nell’ente, in vista di una rimodulazione delle funzioni della Provincia».
«E’ un bilancio che aiuta ad affrontare i problemi – ha affermato Demos Malavasi (Ds) – con un impegno significativo per le politiche ambientali e un sostegno allo sviluppo, allo scopo di mantenere i livelli di qualità della vita della nostra provincia».

Documentazione allegata

Allegati

Bilancio 2007 - presentazione
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 14 dicembre 2006
0. Bilancio  2007 - presentazione.pdf (50Kb)
Bilancio 2007 - Relazione della Giunta provinciale
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 14 dicembre 2006
1. Relazione Giunta 2007.pdf (245Kb)
Bilancio 2007 - Schema
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 14 dicembre 2006
2. Schema Bilancio di previsione 2007.pdf (21Kb)
Bilancio 2007 - Piano triennale degli investimenti 2007-2009
data dell'ultimo aggiornamento: giovedý 14 dicembre 2006
3. Piano triennale degli investimenti 2007-2009.pdf (40Kb)
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: martedý 28 novembre 2006
data di modifica: giovedý 21 dicembre 2006