News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2007 · Scuola

Comunicato stampa N° 287 del 10/3/2007

il fermi verso la statizzazione\1-avviato il percorso

“garanzie per la qualità formativa e il personale”

Valorizzare il ruolo dell’istituto tecnico Enrico Fermi di Modena collocando la scuola, oggi gestita dalla Provincia, all’interno del sistema scolastico superiore statale. E’ lo scopo del percorso intrapreso all’unanimità dalla giunta provinciale che intende integrare la statizzazione «nell’obiettivo più generale del rilancio dell’istruzione tecnica e professionale in continuità e stretta sinergia con l’offerta formativa tecnico-professionale post diploma finalizzata a sostenere la qualificazione, l’innovazione e lo sviluppo economico e produttivo del territorio» come ha sintetizzato l’assessore all’Istruzione e alla formazione professionale Silvia Facchini illustrando il progetto in una conferenza stampa insieme al preside Maurizio Boni e alla vice presidente del Consiglio d’istituto Patrizia Natali.

Il percorso individuato dalla giunta è già stato presentato, infatti, al collegio dei docenti e al Consiglio d’istituto, ai capigruppo consiliari e alle organizzazioni sindacali. Il progetto, che sarà definito tenendo conto dei recenti provvedimenti normativi relativi al sistema scolastico (Finanziaria e decreto legge 7 del 31 gennaio 2007), dovrà poi essere sottoposto agli organi competenti del ministero della Pubblica istruzione e della Regione. Un analogo percorso di statizzazione è stato attivato anche dal Comune di Bologna rispetto all’istituto tecnico professionale Aldini Valeriani.

L’istituto Fermi, del quale si festeggia quest’anno il 50° della fondazione (comunicato n. 289), conta oggi circa 750 studenti e presenta due indirizzi: chimica industriale ed elettronica e telecomunicazioni.

«Insieme alla conferma degli attuali indirizzi - spiega l’assessore Facchini - il progetto dovrà prevedere garanzie per la qualità formativa e per assicurare continuità nella dirigenza scolastica, ma anche stabilità del personale di ruolo e meccanismi funzionali a riconoscere il servizio maturato dal personale precario». Con la Regione, inoltre, dovrà essere avviato un confronto per valorizzare il ruolo del Fermi e degli altri istituti tecnico - professionali nel processo di definizione dei Poli tecnico - professionali provinciali che concorrono all’offerta formativa post diploma ad alta specializzazione anche alternativa all’Università.

Scheda informativa

Scheda informativa
Data comunicato
10/3/2007
Numero
287
Ora
10.45
chiusura della tabella
Ufficio di riferimento
ufficio: ·› Area Amministrativa
··› Servizio Affari Generali e Polizia Provinciale
···› Ufficio Stampa
ProprietÓ dell'articolo
autore: Ufficio stampa
data di creazione: venerdý 9 marzo 2007
data di modifica: venerdý 9 marzo 2007