News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News

31 maggio 2011

Mercurdo 2011

Dal 3 al 5 giugno a Castelvetro torna il festival dell'assurdo. Nel centro storico del borgo in programma performances stravaganti, spettacoli surreali, installazioni di opere visionarie, il mercato di oggetti inconsueti e il Mercurdo Night Party.

Immagine corrente
Da venerdì 3 a domenica 5 giugno a Castelvetro di Modena torna l’appuntamento con Mercurdo, l’unico evento d’arte al mondo dedicato al tema dell’assurdo. Giunto alla 12ª edizione, il Mercurdo è promosso dall'associazione omonima e dal Comune di Castelvetro, con il patrocinio della Provincia di Modena e della Regione Emilia Romagna. La direzione artistica è di Chris Channing.

La Biennale dell'Assurdo è una manifestazione culturale con l'obiettivo di valorizzare la creatività che si slega dai concetti dell'utile e del reale. Una sospensione del senso che libera la mente dalla routine quotidiana, e che pone in primo piano le espressioni artistiche più surreali e fantasiose. Le piazze, i vicoli e i cortili del centro storico di Castelvetro si trasformano così in un palcoscenico a cielo aperto dove hanno luogo performances stravaganti, spettacoli teatrali surreali, installazioni e mostre di opere nate da intuizioni visionarie. A tutto questo si aggiungono i menu assurdi nei ristoranti della cittadina, il mercato di artigianato artistico dove acquistare oggetti inconsueti ed altre iniziative che hanno poco o nulla a che fare con la logica e il senso normale delle cose.

"Una manifestazione ormai consolidata - commenta Mario Galli, vice presidente della Provincia con delega alla Promozione del territorio - che nella sua apparente follia diventa l'occasione di farsi valere per tanti giovani artisti e di farsi conoscere nelle sue eccellenze per il territorio".

Il Mercurdo nasce da un'idea di un gruppo di ragazzi di Castelvetro con il nome di "Mercurdo, Mercato dell'Assurdo". La manifestazione si è poi sviluppata con la creazione del Concorso Internazionale dell'Assurdo, che si articola nell'assegnazione di alcune borse di studio per artisti di qualsiasi disciplina e dei premi MusA-Museo dell'Assurdo assegnati dal Comune di Castelvetro. Fotografia, teatro, installazioni, grafica e video: più di trecentocinquanta giovani artisti europei hanno inviato le loro opere al concorso internazionale 2011, sviluppando in maniera creativa e personale la propria visione dell’assurdo. Come ogni edizione, le migliori proposte sono state scelte da una commissione presieduta questa volta dal critico d’arte Luca Panaro e diventano protagoniste di un’esposizione originale e di performance incredibili che per tre giorni occupano piazze, vicoli, cortili e ogni possibile spazio del borgo medievale di Castelvetro, un mondo surreale e onirico in cui il visitatore si trova immerso semplicemente camminando e sostando qua e là.

"Attraverso il buon senso" è lo slogan di questa edizione, perché assurdo e buon senso sono i due lati della stessa medaglia. Tanti gli spettacoli in programma: da "Tristano Testa. Ti amo ma non ti riguarda", in scena all'Anfiteatro sabato alle 22.45 e domenica alle 21.30, fino a "Vanjuska Moj" con il duo circense Nando e Maila, sabato sera alle 22.30 in piazza Roma. Nella stessa piazza domenica sera è possibile assistere a lezioni magistrali sull'assurdità dei racconti che passano di bocca in bocca fino a trasformarsi in leggende metropolitane (alle 19) e su dove si trova realmente l'America (alle 22). Da venerdì sera sono aperti tutti gli spazi espositivi, con installazioni fotografiche giganti presso la Torre dell'Orologio, la Torre delle Prigioni e Palazzo Rangoni, installazioni allo Spazio Pake in via Cialdini, video e performance all'Oratorio di Sant'Antonio, altre installazioni e sculture sul sagrato della chiesa e un intervento di arte pubblica per le strade del paese, e poi ancora il mercato dell'artigianato artistico e il MusA, il museo permanente dell'assurdo, mentre presso l'Enoteca regionale si può assaggiare il lambrusco grasparossa Rasposo, vino ufficiale della manifestazione, distribuito con l'etichetta in edizione limitata disegnata dal giovane artista spagnolo Raul Lazaro. Tra le tante iniziative ci si potrà fermare dall'orecchiologa, dal lettore semiautomatico del domani o davanti al "discoarmadio", sabato e domenica dalle 16 alle 18 si può inoltre seguire il dibattito itinerante sul tema della perfetta libertà della mancanza di scelta. Il sabato notte è in programma il Mercurdo Night Party, al ritmo della musica più assurda degli ultimi anni.

Il programma completo del Mercurdo 2011 è consultabile nell'allegato in fondo a questa stessa news o direttamente sul sito della manifestazione (vedere link utili a fianco).

Per altre informazioni:
tel. 333.1747430
email info@mercurdo.it

Documentazione allegata

Allegati

Mercurdo 2011: il programma delle iniziative
data dell'ultimo aggiornamento: martedý 31 maggio 2011
Mercurdo2011.pdf (3045Kb)
ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e Web
fonte: Ufficio Stampa
data di creazione: martedý 31 maggio 2011
data di modifica: martedý 31 maggio 2011