News

News

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · News

20 settembre 2006

Pedemontana senza semafori

A Sassuolo spento il semaforo sulla Radici in piano. Meno code, meno inquinamento e collegamenti più snelli con la nuova rotatoria della Provincia. Inaugurato il monumento alla ceramica

Immagine corrente
E’ stato spento nei giorni scorsi il semaforo all’incrocio tra la via Radici in piano e la Pedemontana a Sassuolo, uno dei punti più congestionati del distretto ceramico. Questo grazie all’apertura della nuova rotatoria realizzata dalla Provincia con un costo complessivo di 400 mila euro. Da lunedì 25 settembre sarà eliminato, sempre per l’apertura di nuova rotatoria, il semaforo su via Ghiarola vecchia; contemporaneamente sarà spento quello all’incrocio con via Ghiarola nuova, per effetto di una riorganizzazione del traffico in attesa di costruire, anche qui, una nuova rotatoria nel 2007. Nei giorni scorsi, inoltre, è stato aperto anche lo svincolo a livelli sfalsati su via Canaletto, anche questo costruito dalla Provincia.

Grazie a questi interventi dal 25 settembre sulla Pedemontana dall’incrocio con via Radici a Sassuolo fino a Maranello non vi saranno più incroci semaforizzati, tranne quello di via Cameazzo per il quale è prevista l’eliminazione nelle prossime settimane. L’investimento complessivo della Provincia è stato di circa otto milioni di euro.

«Con queste opere – sottolinea Egidio Pagani, assessore alla Viabilità della Provincia di Modena – avremo meno code, meno inquinamento e collegamenti più snelli lungo uno degli assi viari più trafficati dal modenese, soprattutto di mezzi pesanti diretti o provenienti dal distretto ceramico. Attualmente i tempi di percorrenza da Sassuolo a Maranello sono di circa trenta minuti, «con questi interventi i minuti si ridurranno a dieci – spiega l’assessore Pagani – con grandi benefici per l’economia, per le imprese, per la sicurezza degli automobilisti e per l’ambiente».

Questa autentica rivoluzione è stata possibile grazie al piano voluto dalla Provincia per decongestionare la Pedemontana, soprattutto dopo l’apertura nel 2005 del tratto conclusivo della Modena-Fiorano-Sassuolo che ha aumentato il volume di traffico, soprattutto pesante, che ogni giorno si riversa sull’arteria. Oltre all’eliminazione dei semafori, il piano prevede anche due nuove rotatorie a Sassuolo e il raddoppio della Pedemontana entro il 2007. Le due rotatorie a Sassuolo saranno costruite agli incroci tra la Pedemontana con via Regina Pacis e con la zona del cimitero. A queste opere si aggiunge la rotatoria su via Ghiarola nuova  a Fiorano. Entro il 2007 la Pedemontana da Sassuolo a Fiorano diventerà una strada a quattro corsie nel tratto da via Regina Pacis, fino alla rotatoria della Modena-Fiorano. Il costo complessivo di questi interventi sarà di circa dieci milioni di euro.

Questi interventi  rappresentano anche il primo stralcio del prolungamento della Pedemontana, un intervento che la Provincia ha rilevato dall’Anas per accelerare i lavori.

ProprietÓ dell'articolo
autore: Editoria e web
fonte: Ufficio stampa
data di creazione: mercoledý 20 settembre 2006
data di modifica: lunedý 25 settembre 2006