News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2005 · Sociale e salute

Comunicato stampa N° 1630 del 24/11/2005

incidenti stradali, ecco la mappa delle strade a rischio
con il maggior numero di vittime negli ultimi cinque anni

E’ la strada provinciale 13, nel tratto del lungo rettilineo di Campogalliano, a detenere il triste record delle vittime in seguito a incidenti stradali: ben nove morti nel quinquennio 2000-2004, un dato che la pone in cima all’elenco delle strade provinciali maggiormente pericolose. Se dagli oltre mille chilometri di competenza della Provincia di Modena ci spostiamo alle arterie statali, la strada più pericolosa risulta essere, invece, la statale 12 del Canaletto, soprattutto nelle tratte che attraversano la Bassa modenese.

L’elenco delle strade con il maggior numero di morti e incidenti viene stilato dall’Osservatorio provinciale, il quale in base a una convenzione sottoscritta tra Provincia e Istat cura la raccolta dei rapporti statistici dalle forze di polizia che rilevano incidenti stradali, li informatizza e li trasmette all’Istat.

Tornando alle strade sulle quali si sono verificati il maggior numero di incidenti mortali, per quanto riguarda la rete provinciale tra le più pericolose c’è la Sp 468 a San Felice (le tristemente famose curve di Rivara) con nove vittime nell’ultimo quinquennio, 35 incidenti e 47 feriti. Seguono la Sp 468 in località Ponte Motta (78 incidenti, sei morti, 117 feriti), la Sp 413 (sia nel tratto da Appalto di Soliera a Carpi che da Appalto a Modena, rispettivamente con sei e quattro vittime), la Sp 569 a Castelvetro con cnque, ancora la Sp 468 ma nel tratto da Massa a Finale con cinque decessi, la Sp 413 (tratto Novi) con quattro decessi, la Sp 2 Panaria Bassa a Bomporto e la Sp 568, tra San Felice e Camposanto, con 16 incidenti, tre morti e 18 feriti.

Sulle strade statali il record negativo è della via Emilia in località Cavazzona con 13 vittime in cinque anni. Ma è pesantissimo il bilancio della Ss 12 Canaletto: dieci morti – sempre nel periodo compreso tra il 2000 e il 2004 – nel solo tratto di Mirandola ai quali vanno aggiunti i cinque morti del tratto di San Prospero, i quattro di Medolla, gli otto di Modena oltre alle otto vittime di Maranello, sei nella tratta di Pavullo e quattro a Serramazzoni.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: giovedý 24 novembre 2005
data di modifica: lunedý 20 febbraio 2006