News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2005 · Formazione

Comunicato stampa N° 1186 del 08/09/2005

formazione professionale nel socio sanitario \ 2
professione oss: in ospedale e strutture assistenziali

Mille ore di formazione, 450 delle quali di tirocinio o di stage, frequenza obbligatoria, lezioni tra novembre e luglio del 2006. Sono le caratteristiche dei corsi per ottenere la qualifica di Operatore socio sanitario, la figura professionale che è nata dall’unificazione due predenti percorsi formativi: l’Ota (operatore tecnico di assistenza), che era spendibile in campo sanitario, e l’Adb (l’addetto all’assistenza di base), tipico del comparto socio-assistenziale.

La figura dell’Operatore socio sanitario, oltre a essere spendibile sia in campo sanitario che assistenziale, ha anche il vantaggio di avere validità per tutto il territorio nazionale, visto che è stata istituita nel febbraio del 2000 da un accordo tra ministero della Sanità e quello della Solidarietà sociale.

L’Operatore socio sanitario svolge la sua attività sia in ambiente ospedaliero, in strutture residenziali e semi-residenziali, sia nell’assistenza domiciliare. Si occupa, per esempio, in collaborazione con gli altri operatori, dell’assistenza dei soggetti con handicap, degli anziani, delle utenze psichiatriche e con dipendenze patologiche, inserendosi in modo qualificato all'interno di strutture sociali e sanitarie pubbliche e private.

Come collaboratore dell’infermiere, l’Oss è impegnato soprattutto nella soddisfazione dei bisogni fondamentali della persona, come l’igiene e l’alimentazione.

I corsi per l’acquisizione della qualifica sono gestiti in modo congiunto dagli enti di formazione professionale accreditati dalla Regione e dalle Aziende sanitarie (Azienda Usl e Azienda Policlinico) che con specifiche convenzioni definiscono docenze, sedi, tutoraggio, e modalità di stage e tirocinii.

I crediti acquisiti durante il corso per Operatore socio sanitario possono essere valutati e riconosciuti, secondo procedure e criteri stabiliti dall’Università di Modena e Reggio Emilia, anche per l’accesso alla laurea triennale per infermiere.

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: giovedý 8 settembre 2005
data di modifica: lunedý 20 febbraio 2006