News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)

Comunicato stampa N° 1572 del 14/11/2005

la consulta "boccia" il governo sui tagli a enti locali
sabattini: "avevamo ragione, ma adesso si rimedi subito"

"Avevamo ragione a protestare perché il governo vuole imporci il modo in cui tagliare le spese. Ma adesso si rimedi all’errore, perché perseverare sarebbeů diabolico". Il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini accoglie con soddisfazione la sentenza della Corte Costituzionale che, relativamente alla manovra 2004, ha bocciato il decreto legge sul contenimento della spesa pubblica per gli enti locali. La sentenza ha dichiarato che i vincoli imposti dal governo – relativi ai tagli alle spese per consulenze esterne, missioni all’estero, rappresentanza, missioni all’estero, convegni eccetera – sono "una inammissibile ingerenza nell’autonomia degli enti quanto alla gestione della spesa".

"E’ esattamente quello che sosteniamo noi anche in relazione alla Finanziaria 2006 – spiega Sabattini – e cioè che la politica del governo è invasiva e lesiva dell’autonomia e responsabilità istituzionale che hanno i singoli enti. Lo Stato stabilisce i vincoli complessivi, ma sta poi alle autonomie locali decidere le politiche per raggiungere questi obiettivi".

Se per la manovra 2004 ormai non c’è più nulla da fare, "chiediamo però – dice il presidente della Provincia - che al Senato si ripristini il rispetto delle competenze istituzionali, annullando tutte quelle parti della Finanziaria 2006 che dettagliano le azioni di contenimento della spesa pubblica e consentendo a ciascuno di noi di mettere in campo le politiche necessarie per il raggiungimento dell’obiettivo generale".

"Mi auguro che le associazioni delle autonomie locali ottengano dal governo garanzie in tal senso al più presto e spero – conclude Sabattini – che questa sentenza chiuda definitivamente una stagione che ha visto la continua delegittimazione del ruolo delle amministrazioni locali. Forse servirà a capire che Comuni, Province e Regioni sono una risorsa e non un peso per il Paese".

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: lunedý 14 novembre 2005
data di modifica: lunedý 20 febbraio 2006