News

Comunicati Stampa

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: News | · Comunicati Stampa · 2004 · Sicurezza stradale

Comunicato stampa N° 639 del 24/07/2004

incidenti stradali, interviene l’assessore guaitoli
"sono troppi, occorre più prevenzione anche a scuola"

Sul tema degli incidenti stradali inviamo un intervento di Maurizio Guaitoli, assessore alle Politiche sociali della Provincia di Modena, che analizza il fenomeno e annuncia che la Provincia confermerà anche nel prossimo anno scolastico l’attività formativa per gli studenti volta a diffondere la cultura della prevenzione e della sicurezza stradale.

Ogni anno gli incidenti stradali costano a ciascun cittadino 600 euro. Questa cifra nettamente superiore alla media europea è stata diffusa dalla Consulta nazionale sulla Sicurezza stradale. La Consulta rileva che i 6.700 morti ed i 340 mila feriti sulle strade italiane, nel 2002, hanno comportato un onere complessivo di 34 miliardi di euro per lo Stato, le imprese e le famiglie. Inoltre, pur segnalando l’importante riduzione di incidenti stradali conseguente all’introduzione della patente a punti, la Consulta indica che per abbassare il costo sociale delle stragi stradali ai livelli medi europei occorre un investimento pari ad almeno 30 euro a persona mentre attualmente è di 8 euro.

La riduzione di morti e feriti conseguente all’introduzione della patente a punti segnala purtroppo una progressiva riduzione dell’effetto. Mentre nei primi mesi di applicazione si registravano diminuzioni del 20 – 30 per cento, a distanza di un anno gli incidenti sono diminuiti solo del 14,5 per cento. L’Osservatorio provinciale sugli incidenti stradali, costituito presso l’assessorato Politiche sociali della Provincia, ha rilevato, nell’anno 2003, 3.817 incidenti con 104 morti e 5.216 feriti che coinvolgono prevalentemente giovani.

Ulteriore novità emersa dalla Consulta nazionale è l’istituzione di un "Forum giovani" con il compito di approfondire e discutere gli aspetti che riguardano la popolazione giovanile: dal patentino alla sicurezza sulle "strade del divertimento", fino alla promozione di percorsi casa-scuola protetti. Su tali aspetti l’assessorato provinciale alle Politiche sociali, durante il primo semestre del 2004, ha sviluppato un’intensa azione di supporto alle scuole al fine di poter assicurare a tutti gli studenti modenesi la partecipazione al corso per l’esame del "patentino" per la guida di ciclomotori, obbligatorio dal 1 luglio garantendone la gratuità.

L’assessorato alle Politiche sociali, in collaborazione con gli istituti scolastici, i Comuni, il Centro servizi amministrativi di Modena del ministero all’Istruzione, le Polizie municipali, la collaborazione della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e l’impegno di numerose autoscuole della provincia (aderenti ad Aci, Confedertaai, Unasca e Cna-Unai), che hanno fornito la loro professionalità a titolo gratuito, ha consentito ai 7.025 ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori di partecipare al corso in preparazione alla prova di esame.

Le percentuali complessive dei promossi raggiungono il 77 per cento per gli studenti delle scuole superiori ed il 75 per cento per quelli delle medie inferiori con esiti molto differenziati da scuola a scuola. Con l’inizio del prossimo anno scolastico 2004/2005, visti gli ottimi risultati conseguiti, proseguirà l’attività formativa all’interno delle scuole volta diffondere la cultura della prevenzione e della sicurezza stradale.

Maurizio Guaitoli

assessore alle Politiche sociali

della Provincia di Modena

ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: sabato 24 luglio 2004
data di modifica: giovedý 25 agosto 2005