Bandi e Moduli

Modulistica

Salta il men¨ di navigazione, vai al contenuto principale (Corpo centrale)
ti trovi in: Bandi e Moduli | · Modulistica · Agricoltura

Nomadismo apistico

Gli apicoltori che praticano nomadismo nel territorio dell'Emilia Romagna, se si recano in postazioni non censite presso le AUSL di competenza, devono darne comunicazione scritta al Presidente della Provincia di destinazione entro il mese di febbraio di ogni anno, come previsto dalla Legge Regionale n. 35 del 25 agosto 1988 art. 9 e dal Regolamento Regionale n. 18 del 5 aprile 1995
 
Per i territori della provincia di Modena, la comunicazione deve essere fatta utilizzando il modulo di segnalazione appositamente predisposto (vedi sezione Modulistica)
 
In via del tutto eccezionale e per motivate esigenze di sfruttamento di determinati pascoli, ovvero quando si renda necessario ed urgente il trasferimento dell’apiario in nuove postazioni, è consentito lo spostamento degli alveari senza la prevista segnalazione, fermo restando l’obbligo di comunicazione al Sindaco del Comune di arrivo entro 48 ore (ai sensi del comma 2, dell’art. 8 della Legge Regionale n. 35/1988)
 
Lo spostamento di alveari da una postazione censita ad un'altra censita non richiede alcuna segnalazione.
 
Qualora gli spostamenti avvengano da zone contaminate dal patogeno Erwinia amylovora (Colpo di fuoco batterico) a zone ufficialmente indenni, è necessario attenersi alle disposizioni emanate annualmente dal Servizio Fitosanitario Regionale con apposito atto.
 
La Commissione Apistica Provinciale esamina le richieste ricevute, sulla base dei dati del censimento apistico e delle prescrizioni del Servizio Fitosanitario Regionale, e invia ai nomadisti entro il 31 marzo una comunicazione in merito alle postazioni ammesse. In mancanza di comunicazione entro questa data, lo spostamento si ritiene autorizzato.
 
Gli apicoltori, quando spostano gli alveari per nomadismo o per la costituzione di nuovi apiari, devono rispettare le seguenti distanze minime dagli altri apiari, calcolandole dal centro dei singoli apiari:
  • m. 100 di raggio se gli apiari sono formati da 1 a 10 alveari
  • m. 150 di raggio se gli apiari sono formati da 11 a 20 alveari
  • m. 250 di raggio se gli apiari sono formati da 21 a 30 alveari
  • m. 500 di raggio se gli apiari sono formati da 31 o più alveari

Il diritto di priorità nello sfruttamento del pascolo spetta al richiedente che non abbia apportato modifiche al suo programma di nomadismo.

Scheda informativa

Scheda informativa per "Nomadismo apistico"
Tipologia
Modulistica
chiusura della tabella

Documentazione allegata

Modulistica

Modulo di segnalazione nomadismo apistico
data dell'ultimo aggiornamento: lunedý 24 novembre 2008
nomadismoapistico.pdf (80Kb)
ProprietÓ dell'articolo
data di creazione: lunedý 24 novembre 2008
data di modifica: lunedý 24 novembre 2008